Il mare: la passione di una vita

Il mare per la città di Sanremo è da sempre fonte principale di guadagno e turismo. Da generazioni gli abitanti della città costruiscono la propria economia sfruttando le risorse che il territorio offre. Strettamente legata al mare è la pratica della pesca, antichissimo mestiere da molti sottovalutato e dimenticato. Per questo l’Ufficio Stampa del Liceo Cassini ha deciso di ascoltare la storia di Salvatore Portera, pescatore, marinaio e armatore da tutta la vita, oggi in pensione, ma ancora legato alla sua passione più grande: il mare. Messi da parte i libri per aiutare il padre sulla barca di famiglia, Salvatore si ritrova, a soli undici anni, catapultato in una realtà dura e spesso pericolosa: quella del pescatore. Nonostante oggi sia un lavoro sicuro e ben retribuito, fino a non molti anni fa chi lavorava in mare doveva ogni giorno combattere contro la paura e il pericolo, tipici di quella vita pesante, incerta e dai ritmi troppo veloci. Un attimo solo, un minimo errore poteva avere gravi conseguenze, se non fatali, come prova uno dei racconti del nostro intervistato.

Nei mesi estivi si era soliti praticare la pesca del pesce spada, più  produttiva  della classica pesca a strascico. In un giorno di luglio, per l’eccessivo imbarcamento di acqua durante una tempesta e il conseguente penetramento nel motore, la barca iniziò ad affondare dal lato della poppa. Complici la situazione tragica e la paura, che stava prendendo possesso di tutti gli uomini a bordo, l’unica speranza, per così dire, era quella di ritrovare i possibili corpi, ormai senza vita, dell’equipaggio, legando a Salvatore il galleggiante che lo avrebbe mantenuto a galla, anche se non più vivo. Dopo numerose manovre tuttavia, riuscirono a scampare il pericolo. Malgrado ciò, il signor Portera ci racconta che lui non ha mai temuto nulla, forse per incoscienza o per coraggio. “La paura non mi ha mai fatto paura” aggiunge, sicuro e deciso. È stato l’amore per il suo lavoro che gli ha permesso di andare avanti, nonostante le difficoltà e i sacrifici. “Non era mai a casa, usciva alle 2 di mattina e tornava all’ora di cena” racconta la moglie Giusy, che lo ha sempre sostenuto.

Una vita di rinunce, soprattutto familiari, ma alimentata da una passione così grande che ha permesso a Salvatore di non avere mai nessun dubbio e ripensamento che lo portassero ad abbandonare tutto; una storia di un legame fortissimo con il mare, che porta chi ascolta i racconti di ogni marinaio a credere che non sia passato un solo giorno dall’ultima avventura.

 

Maria Chiara Donzella e Carola Rolfo – Ufficio Stampa Liceo Cassini

Articolo precedente1997 – Stefano Zecchi parla del suo ultimo libro
Articolo successivoLa libera repubblica di Pigna del 1944