Dopo sei ore trascorse tra i banchi di scuola, gli studenti logorati dall’attività intellettuale dello studio necessitano di un luogo dove rifocillarsi. E fortunatamente alcuni pii uomini hanno provveduto all’apertura di centri di ristorazione atti a tale scopo. In questi templi di elevata cucina e di gourmet , i sopravvissuti all’orario scolastico e alla ferrea disciplina degli istituti, trovano conforto nelle loro fragranti pietanze.

Tra pizze piadine, panini caldi e patatine fritte questi luoghi sono muniti di ogni cibo che lo stomaco degli studenti è abituato a ricevere, e a ciò si deve il loro grande successo e diffusione. Anche se osservati dall’esterno possono sembrare pieni, lo staff sempre pronto e disponibile accoglie la calca di studenti erranti e riesce a procurare loro un posto in cui sedersi e rilassarsi.

Ogni giorno il menù è variegato per soddisfare i bisogni di ogni palato, anche dei più esigenti.

L’unica cosa che non varia, è il gusto sublime che si traduce in ottime recensioni online su questi locali. Ovviamente non solo gli studenti sono benvenuti, ma tali posti sono aperti a tutti: sia adulti che bambini li adorano!

Infatti i lavoratori anelano la fine dell’orario di lavoro per venirsi a riposare e bersi e mangiarsi qualcosa in tranquillità. Mentre i più piccoli sempre sprizzanti di energia, come è bene alla loro giovane età, tendono spesso a riunirsi in codesti luoghi per, più che mangiare, chiacchierare in tranquillità, per “poter far salotto” senza che qualcuno li sgridi per il troppo chiacchiericcio.

Non solo sono frequentati all’ora di pranzo, ma sono anche molto gettonati la mattina.

In un’atmosfera oberata da sbadigli e visi sui quali ancora di intravedono i segni dei cuscini, un bel caffè è ciò che ci vuole per risvegliare la mente di quelle povere anime pronte ad andare o a scuola o a lavoro. Anche nelle giornate più uggiose, nelle quali l’unico desiderio comune è tornare ad assopirsi nel letto, la dolcezza dei pasti offerti anima i cuori anche dei più addormentati. Questo connubio di sapori sopraffini, riavvia le becere menti di tali persone e i loro corpi rasserenati sono pronti a trascinare i loro spiriti in una giornata di fatiche e di stenti. In conclusione è doveroso ringraziare tali eroi della cucina, che riescono a soddisfare la domanda crescente di carburante per questi corpi sfibrati. A illuminare anche se per un solo attimo fuggente, alle loro a tratti tenebrose giornate.

 

Ufficio Stampa Liceo G.D. Cassini – Giorgia Franco, Valerio Franceschi

Articolo precedenteCompra biglietto per Vasco, ma è una truffa: oscurati i siti esca
Articolo successivoBordighera, lungo weekend di Pasqua all’insegna del teatro