video
03:30

Si chiama CROCE_VIA il progetto di rigenerazione culturale e sociale presentato dai Comuni di Riva Ligure e Castellaro, nell’ambito del cosiddetto ‘bando borghi’ del Pnrr. Un vero e proprio percorso che congiunge il santuario di Nostra Signora di Lampedusa, nell’entroterra, a quello di Nostra Signora del Buon Consiglio, sul mare, e che tocca tutta una serie di siti di particolare rilevanza storico-culturale. Il progetto nasce quindi dall’esigenza di “marcare” un percorso antico che ha come valore comune il culto mariano e che lega da secoli il territorio di Riva Ligure con quello di Castellaro in termini culturali, mitologici, sociali e religiosi.

Diverse le linee d’intervento: dalla realizzazione di due smart infopoint, uno nel S.E.M. di Riva Ligure, l’altro all’interno delle vecchie carceri di Castellaro (che verranno quindi riqualificate), alla ristrutturazione di una casa rurale e la sua trasformazione in locanda, solo per citarne alcuni.

Presenti in conferenza stampa i sindaci Giorgio Giuffra e Giuseppe Galatà insieme all’architetto Sergio Raimondo, che ha illustrato gli interventi nel dettaglio.

“Un progetto che parte oggi ma che non si vuole arrestare a prescindere o meno dell’ottenimento di finanziamenti statali legati al Pnrr – ha spiegato Giuffra. – La volontà di lavorare insieme e di far vedere quanto di bello ci sia nella nostra terra, legando una perla della costa a una perla dell’entroterra. Un percorso tra i due santuari mariani, che lega tutte le tipicità del nostro territorio, la volontà è di costruire un percorso insieme che permetta alle nostre due realtà di crescere anche dal punto di vista occupazionale. Lo riteniamo davvero uno snodo fondamentale affinché i nostri Comuni possano svoltare e prendere la strada del futuro. Il finanziamento complessivo supera i 2 milioni di euro”.

“Noi ci abbiamo provato – aggiunge il sindaco Galatà. –  Speriamo, sicuramente non sarà facile, ma è un lavoro che comunque non andrà perso: è un punto di partenza su cui poter riproporre, in altre opportunità, quello che vogliamo realizzare per valorizzare il nostro territorio e il collegamento tra costa ed entroterra”.