Terzo appuntamento al M.A.C.I. Museo di Arte Contemporanea di Imperia la rassegna WE GOT THE JAZZ…AL MUSEO!  – serie di quattro serate dedicate al jazz d’autore realizzati in collaborazione I Sognatori Ristorante&Bistrò, risto-club in zona Foce ad Imperia che si caratterizza per la programmazione musicale jazz e per le preziose scelte culturali ed eno-gastronomiche.

Dopo il successo delle prime due serate all’insegna della black music dei Black Beat Soul Band e delle atmosfere swing con i Jazzmatazz, la rassegna entra nel vivo con due affermati ospiti d’oltralpe.

WE GOT THE JAZZ…AL MUSEO! ritorna Giovedì 23 Agosto con l’eclettico duo formato da Manu Carrè & Benjamin Prischi.

Sassofonista, compositore, insegnante al Conservatorio di musica di Mentone, Manu Carré scopre la musica nel 1976 e molto presto entra in contatto con vari gruppi che già uniscono creatività e improvvisazione. Oggi è riconosciuto come artista e compositore affermato, aperto a tutte le culture, che esprime sempre una generosità umanista, piena di spontaneità e freschezza.

Benjamin Prischi nasce a Marsiglia e scopre il mondo dell’improvvisazione e del jazz proprio con Manu Carrè a Mentone. Dopo i suoi studi, inizia a collaborare con disparati musicisti jazz, suonando in club come Sounds, Jazz Station e in diversi centri culturali belgi. Durante la serata di Giovedì 23 Agosto a Villa Faravelli accompagnerà Manu Carrè al pianoforte, suonando il meraviglioso Steinway a coda d’epoca appartenuto all’Architetto Lino Invernizzi (donatore dell’omonima collezione del museo)

Una serata dedicata al vero jazz d’autore, con melodie raffinate ed improvvisazioni travolgenti, nella splendida cornice del salone anni ’30 di Villa Faravelli.

Il duo offrirà al pubblico a partire dalle 21.30 un live coinvolgente, mentre dalle ore 19.30 I Sognatori organizzeranno un servizio bar attivo per tutta la serata, a disposizione del pubblico che vorrà trascorrere l’ora dell’aperitivo o bere un drink durante il concerto immerso nei meravigliosi ambienti d’epoca di Villa Faravelli.

Il Museo e la Collezione permanente Architetto Lino Invernizzi saranno inoltre visitabili a partire dalle 16.30 e fino all’inizio del concerto alle ore 21.30.

Grazie ad un biglietto cumulativo per ogni serata sarà possibile visitare la villa e la collezione, accedere al concerto ed avere una prima consumazione.

Articolo precedenteDifferenziata a Sanremo, Prato: “Futuri sviluppi per l’infopoint e centro distribuzione al Palafiori”
Articolo successivoRivieracqua, bilancio 2017 da approvare, manca ancora il numero legale