Dopo aver presentato una lista alle politiche del 4 marzo, il movimneto +Europa diventa un partito e punta alle Europee 2019.

In tutta Italia stanno nascendo le sezioni territoriali e anche nel Ponente ligure il movimento si sta strutturando proprio in queste settimane. Ad essere stato nominato coordinatore provinciale è Sergio D’Aloisio, ex sindaco di Santo Stefano al Mare.

“Mi è stato chiesto direttamente da Bruno Tabacci, fondatore del progetto insieme a Bonino e Della Vedova, in quanto ricoprivo già questo incarico nel Centro Democratico. Prendo questa nomina con grande impegno e responsabilità perché credo fortemente nel progetto,” commenta D’Aloisio.

A gennaio si terrà il congresso nazionale, momento fondamentale in vista delle europee.

“Nelle quattro province liguri sono nati i gruppi. Lunedì 27 novembre c’è stato il primo incontro a La Spezia. Un incontro interessante perché a questo progetto sono interessati soprattutto i giovani,” spiega.

“I giovani nati negli ultimi 20 anni – continua – si sento già europei. Non distinguono più i confini di Stato e considerano la proposta sovranista, che in questo momento ci vogliono imporre i partiti di Governo, una proposta retrograda che ci riporta indietro ad una situazione ottocentesca.”

Secondo il coordinatore provinciale di +Europa è necessario riportare al centro del dibattito politico le posizioni europeiste.

“Se vogliamo sopravvivere, parlo di noi europei, dobbiamo arrivare a un’Europa più forte. Chiaramente alcune impostazioni che sono state date alla Comunità Europea sono da rivedere; ma il nostro obiettivo è andare verso un Europa federale che possa far fronte a quelle che sono le sfide della globalizzazione. Se continuiamo a chiuderci dentro i confini nazionali saremo sommersi dalle economie mondiali emergenti,” commenta D’Aloisio.

Oltre alle elezioni europee, + Europa sta anche valutando la possibilità di partecipare alle amministrative 2019 nel Ponente ligure. “A Sanremo abbiamo già qualche contatto. Non so se sfocerà in una nostra lista o se cercheremo di proporre qualche nostro candidato in una delle liste civiche che si stanno formando. Stiamo guardando anche alle amministrative a Ventimiglia, ma è chiaro che non è semplice per una forza politica nuova riuscire a proporsi anche a livello locale. È però importante provare e ottenere risultati,” conclude.