Nella mattinata di ieri, domenica 19 aprile, Enrico Carta, naturalista e ornitologo dell’Associazione Delfini del Ponente, ha fatto un avvistamento eccezionale dalle finestre di casa nel centro di Vallecrosia: è infatti riuscito a scorgere grazie all’utilizzo di un binocolo dei soffi obliqui a intervalli regolari che non gli hanno lasciato dubbi sul fatto che si trattasse di un capodoglio.

L’avvistamento è stato fatto alle ore 9.35 e l’animale si trovava a più di due km dalla costa muovendosi verso sud, sono stati visti almeno una decina di soffi, e poi presumibilmente l’animale è sceso in immersione. Alle ore 10:33 Enrico ha rivisto i soffi, questa volta più distanti ma sempre nello stesso tratto di mare. I soffi si sono susseguiti fino alle 10:42 e poi il nostro collega ha terminato l’osservazione.

Enrico ha immediatamente contattato i colleghi e biologi marini di Delfini del Ponente, che da diversi anni si occupano di monitorare i tursiopi, delfini che vivono in prossimità della costa, nel Ponente Ligure, raccogliendo però dati anche su altre specie di cetacei, oltre a uccelli marini e fauna marina.

“Durante le uscite di monitoraggio è già capitato di incontrare capodogli – spiegano i biologi di Delfini del Ponente – i più grandi predatori al mondo (possono raggiungere i 18 m di lunghezza), in grado di compiere immersioni da record di ben oltre un’ora, anche a poca distanza dalla costa. Questi incontri sono magari meno frequenti di quelli fatti con questa specie allontanandosi dalla costa, ma hanno spesso la caratteristica comune di coincidere con la presenza di tipiche caratteristiche del fondale marino: i canyon sottomarini. Il fondale del Ponente Ligure è tagliato da numerosi canyon sottomarini che partono proprio a poca distanza dalla costa, spingendosi via via più al largo e ospitando le prede preferite dei capodogli, ovvero diverse specie di calamari di profondità”.

L’avvistamento di oggi non è il solo fatto da Enrico e da alcuni vicini di casa, sono infatti diverse le segnalazioni già riportate in questi giorni di delfini tursiopi a poca distanza dalla costa nell’estremo Ponente ligure. In questo periodo di stop forzato, queste notizie, se veritiere e dalla fonte sicura come in questo caso, sono fondamentali per i continuare il monitoraggio di questi organismi in modo indiretto.

Proprio al fine di capire come mai si possano avvistare i cetacei, dai piccoli delfini ai capodogli, i biologi di Delfini Del Ponente APS hanno realizzato una diretta sulla pagina Facebook dell’associazione in cui si è parlato di questi incontri inaspettati ed emozionanti.