polizia

Ben 10 anni prima di poterlo arrestare. Tanto è durata la latitanza di SALAH E.K., prima che i poliziotti del Settore di Frontiera, diretti dal dr. Martino Santacroce, gli mettessero le manette.

L’arresto è stato possibile grazie ad un solido dispositivo di controllo, ormai consolidato nel tempo, efficiente e innovativo, anche per merito delle  sempre più sofisticate apparecchiature utilizzate per il riscontro documentale.

Nella fattispecie, l’ampio dispositivo previsto per il fine settimana, attuato secondo le direttive del Questore di Imperia dr. Cesare Capocasa e il Direttore della 1^ Zona di Torino, è stato articolato con l’impiego di  51 pattuglie e 128 agenti, che hanno perlustrato l’intera zona confinaria, identificando oltre 1100 persone 660 delle quali, straniere.

Particolare attenzione è stata rivolta agli ex valichi di Ponte San Ludovico e San Luigi e alla barriera autostradale. Proprio presso quest’ultima è stato controllato lo straniero di cui sopra, mentre a bordo di autobus di linea proveniente da Torino si dirigeva verso Casablanca.

Lo straniero, un marocchino di 53 anni, residente nel novarese e titolare di permesso di soggiorno rilasciato dalla Questura di Novara nel 2003, non ha convinto gli Agenti, che hanno deciso di portarlo negli Uffici di Piazza Libertà per più approfonditi controlli.

Si è scoperto così che Salah era ricercato già dal 2008, quando a suo carico era stata emessa una ordinanza di custodia cautelare in carcere, a seguito di indagini che avevano permesso di scoprire l’organizzazione criminale della quale il soggetto faceva parte. Lo stesso infatti, insieme ad altri, raggiungevano periodicamente il Marocco per rifornirsi di sostanze stupefacenti destinate al Nord Italia. Successivamente lo stupefacente, dopo essere stato abilmente occultato nelle auto, veniva trasportato via mare da Tangeri a Genova, per raggiungere poi la provincia di Novara.

Proprio la Polizia di Domodossola nel 2009, che lo ricercava per dare esecuzione all’ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Torino per detti reati, aveva scoperto che Salah si trovava in carcere a Tangeri (Marocco) già dal 2007.

Rientrato in Italia, aveva proseguito, verosimilmente, la sua attività di spacciatore, interrotta però sabato notte dagli Agenti della Frontiera.

A tal proposito dichiara il dirigente dr Santacroce  “la Polizia di Frontiera non abbassa mai la guardia e i numerosi arresti effettuati ne sono la tangibile prova. La nostra zona confinaria è costantemente monitorata e particolare attenzione viene posta sul fenomeno  dell’immigrazione clandestina ed i reati allo stesso connessi, attraverso accurate attività di indagine e analisi del fenomeno stesso”.

Articolo precedenteSanremo, Rosmilia Torretto dona alla Fondazione “Filippo e Mirella Salesi” sei opere del noto pittore
Articolo successivoVentimiglia, Orchidea UNICEF per i bambini: l’amministrazione aderisce all’iniziativa con i ragazzi del Centro Giovanile