Sanremo, il 3 e 4 agosto la quinta edizione del "Festival dei Boschi"

Tutto pronto per il “Festival dei Boschi” 2019, che si svolgerà sul prato di San Romolo il 3 e 4 agosto prossimi. Tra le iniziative del Comune di Sanremo – Assessorato al Turismo e alle Manifestazioni insieme all’associazione “Popoli in Arte”, vivrà la sua quinta edizione.

Gli eventi di novità sono prima di tutto l’estensione su due giorni del Festival con il pomeriggio sera pensato soprattutto per gli sportivi con due escursioni, una a piedi e una in bicicletta. Aperitivo sul Prato, musica folkloristica e racconti fino all’osservazione del cielo: stelle e Luna potranno essere incontrate con il supporto di esperti ad occhio nudo e con il telescopio. Nessun problema per chi sale a piedi o in bici perché è compresa nell’organizzazione, a fine serata, un servizio navetta di ritorno in piazza Colombo tanto per le persone quanto per le bici. Altro elemento di novità per il giorno dopo sono la liaison del Festival con il maneggio che ha nuovamente riaperto a pochi metri dal Prato, una articolata gimkana sul prato in bici per ragazzini/e con bici propria o a nolo e due attività artigianali con la riscoperta dell’arte della tessitura e l’arte dei fusi di lavanda.

Elementi di continuità con gli scorsi anni sono altri attività sempre molto amate come il lavoro con il legno per fare i cesti, il macramè o la pittura, quest’anno con la tecnica della macchia, oppure l’arrampicata sugli alberi nel pomeriggio per i bambini e bambine dai 7-8 anni in su. Per tutto il giorno come sempre ci sarà musica popolare occitana, celtica e mediterranea, ad intervalli ci saranno sessioni di danza con maestri. Nel tema della riscoperta si propongono vari antichi giochi con corde di vario tipo per i bambini più grandi, giochi con elementi della natura per bambini più piccoli in un percorso sensoriale nel bosco e ancora il martial theatre. Molte attività hanno sessioni sia al mattino sia al pomeriggio. Due le escursioni della domenica, una lungo il sentiero delle creste e una al monte Carparo. E ancora un appuntamento con la conoscenza delle erbe locali sia alimentari sia medicamentose.

Cuore del Festival dei Boschi è l’amore per il prato di San Romolo, la conoscenza del territorio nella sua essenza fisica e nella sua storia. Come già negli anni scorsi si svolgeranno tre esibizioni del “Cantastorie del Festival dei Boschi” che costruisce e ricostruisce per il Festival pezzi di storie locali, a partire dal Prato.

Il Festival si presenta come un evento quanto più possibile ecologico e ad impatto zero a molti livelli: la musica ha il minimo di amplificazione e la sera del 3 agosto essa è solo in acustico, le attività sono immaginate per una festa che avvenga nell’incontro con gli altri piuttosto che come festa da consumare; tutti gli artisti e animatori sono della provincia di Imperia, molti già collaboratori da alcuni anni e un gruppo è entrato nell’organizzazione dell’evento. Progressivamente si sta collegando il Festival con gli altri due esercizi commerciali operanti a San Romolo ossia lo storico bar – ristorante “Dall’Ava” e l’altrettanto storico forno Puppo che produce il pane di San Romolo e che contribuirà all’aperitivo del sabato sera.

E ultimo e primo di tutto, i partecipanti faranno il Festival dei Boschi dove nessuno è spettatore, ma ciascuno può incontrare il suo posto.

Sul sito del Comune i Sanremo, sulla pagina Facebook del Comune di Sanremo e ancora su Facebook alla pagina evento “Festival dei Boschi 2019” è possibile avere maggiori informazioni.

L’intervista a Maria Paola Rottino di “Popoli in Arte” nel video-servizio di Riviera Time.

Gli eventi in programma

Esplorazione del territorio: escursione in bici Sanremo – San Romolo; escursione a piedi sul “sentiero delle creste”; gimkana per bambini/e in bici; arrampicata sugli alberi; escursione a piedi Sanremo – San Romolo; arte dei fusi di lavanda; escursione a piedi San Romolo – Monte Caggio – San Romolo; arte dei fusi di lavanda; riscoperta delle erbe alimentari e medicamentose del territorio.

Musica e danze: musiche folk occitane, celtiche e mediterranee; danze occitane e celtiche; danze mediterranee.

Teatro: cantastorie del Festival.

Arti: riscoprendo la macchia; arte della cesteria; arte del macramè; arte della tessitura.

Altre attività: percorsi sensoriali; giochi tradizionali con le corde.