L’Oratorio di San Giovanni Battista è un gioiello ed il più antico edificio sacro di Pieve di Teco, risale al 1200, fu costruito sulla riva sinistra dell’Arroscia e  successivamente ristrutturato nel 1700, acquisendo  sembianze in stile barocco.

Anticamente fu sede della Confraternita dei Battisti (o Flagellanti di S. Giovanni Battista) che lo conservò e lo abbellì, ancora oggi l’Oratorio è sede della Confraternita di San Giovanni Battista e della ArciConfraternita della Buona Morte.

Sono molte le opere d’arte presenti all’interno dell’Oratorio, tra le tante risaltano gli affreschi rappresentanti la passione e  morte di Gesù che sono opera del pievese Francesco Sasso il quale ebbe successo come ritrattista tanto che nel 1753 andò in Spagna, prima come professore presso l’Accademia di S. Fernando e poi come pittore di corte della Regina Isabella Farnese e nel 1770 Re Carlo terzo di Borbone lo innalzò alla carica di primo pittore di corte.

Oltre al Sasso anche Anton Maria Maragliano e Paolo Gerolamo Brusco hanno contribuito alla realizzazione di alcune opere presenti all’interno dell’oratorio.