video

Da ieri la Liguria è ufficialmente entrata in zona bianca. Una boccata d’ossigeno dopo mesi di autentica lotta contro il covid-19. Di questo e, più in generale, dell’attività del suo partito sul territorio abbiamo parlato con Fabio Perri responsabile provinciale degli enti locali per Fratelli d’Italia.

“Questo colore oggi testimonia non una resa, ma una ripartenza, una rinascita, un aver ridato la libertà a un Paese che è stato per parecchi mesi bloccato nelle proprie case – esordisce Perri. Si può tornare finalmente a respirare un’aria di normalità perché escluse le discoteche ripartono pressoché tutte le attività. Essere diventati bianchi vuol dire aver rispettato le regole e questo grazie alla costanza dei liguri”.

Eliminato anche il tanto discusso coprifuoco. Tema, quest’ultimo, per il quale Fratelli d’Italia si è particolarmente battuto: “Oggi viene abolito nella speranza che si mantenga questa eliminazione. Fratelli d’Italia non soltanto si è battuto per il coprifuoco, ma anche per tutte le altre disposizioni prese dal Governo che non hanno avuto gli effetti sperati, ma anzi hanno condannato e messo in grave difficoltà tanti settori”.

Perri si è poi concentrato su quanto il partito guidato da Giorgia Meloni stia facendo in provincia di Imperia: “Stiamo facendo un gran bel lavoro – dice. Cerchiamo di riorganizzare tutte le realtà, a partire dai circoli, in maniera veramente determinata. Dobbiamo essere pronti per affrontare la responsabilità di un partito che oggi è il secondo in Italia. Puntiamo a entrare sempre di più in quelle città e realtà dove Fratelli d’Italia oggi non è rappresentato. Stiamo lavorando, la porta è aperta a tutti.

Ventimiglia è l’unica città dove, oggi, siamo effettivamente in maggioranza in consiglio comunale. Miriamo ad avere sempre più consiglieri come segnale di progetto concreto e politica vera” – conclude.

L’intervista completa a Fabio Perri nel videoservizio di Riviera Time.

Articolo precedenteUn minuto di silenzio in Consiglio regionale per ricordare Fabio Rovere
Articolo successivoSanremo: a Portosole arriva un nuovo ‘Seabin’, il cestino mangiarifiuti per ridurre l’inquinamento da plastica e microplastiche