video

Anche il Comune di Badalucco ha oggi aderito al minuto di silenzio in ricordo delle oltre 10mila vittime del Covid-19 in Italia. Davanti al Municipio con la bandiera a mezz’asta era presente il vicesindaco Daniele Prevosto.

Il sindaco Matteo Orengo si trovava infatti sul posto di lavoro dove l’abbiamo raggiunto tramite Skype per parlare dell’importate e significativo gesto, e per fare il punto della situazione su questa emergenza sanitaria a Badalucco.

Un ricordo per tutte le vittime e i propri cari. Questo virus ha cambiato completamente il nostro modo di vivere. In poco più di un mese abbiamo completamente perso l’idea di tutto ciò che era superfluo. Ormai la nostra quotidianità è fatta di spesa-mangiare-casa, e lavoro per chi in questi giorni sta continuando con la propria attività,” commenta Orengo.

Tra queste persone sicuramente i medici, gli operatori sanitari, le forze dell’ordine, ma anche i sindaci che sono chiamati a gestire questa emergenza.

“Un grazie enorme ai dipendenti degli ospedali, ai medici di famiglia, che quotidianamente rischiano la propria salute, e a volte la propria vita, nel portare avanti il loro lavoro, pesantissimo dal punto di vista fisico e psicologico. La nostra amministrazione ha quindi accettato la proposta dell’Unione dei Comuni Valli Argentina e Armea per donare delle mascherine al comune di Sanremo. Un grazie anche alle forze dell’ordine che fanno rispettare le misure necessarie per combattere il virus.”

Sull’emergenza a Badalucco spiega: “Per fortuna stiamo vivendo una situazione di tranquillità. Abbiamo il caso di una persona positiva che terminerà domani la sua quarantena. Si è già conclusa la quarantena delle persone che sono venute a contatto e abbiamo un caso di un anziano che ha preso il virus in ospedale dove era già ricoverato. Nei giorni scorsi, come amministrazione, abbiamo distribuito mascherine ai malati cronici, agli anziani e a chi lavora fuori dal territorio comunale.”

Ieri il primo cittadino è intervenuto sui social media dove si stavano sviluppando voci infondate di possibili contagi. Un tranello dovuto ai nuovi mezzi di comunicazione e alla psicosi che questa emergenza ha creato all’interno delle comunità. “Soltanto il Sindaco, il maresciallo dei carabinieri e il medico di famiglia sono a conoscenza del numero e dei nominativi dei soggetti positivi o in quarantena obbligatoria. Chiunque dica nomi o sostenga tesi non è credibile. Non solo dice il falso ma rischia anche una denuncia per procurato allarme. È il momento di stare calmi perché una caccia alle streghe non porta da nessuna parte,” ha commentato Orengo.

Il Comune si sta in queste ore adoperando per mettere in campo i fondi arrivati dal Governo per aiutare le famiglie e i cittadini più in difficoltà. “Badalucco – spiega il primo cittadino – ha ricevuto, oltre al normale fondo comunale di solidarietà, ulteriori 2580 euro. Stiamo predisponendo il regolamento per poter concedere queste somme sotto forma di ‘buoni spesa’ da utilizzare presso gli alimentari e le macellerie del paese.”

Tutti i dettagli nella video intervista a inizio articolo.