Sono passati 28 anni dalla tragica dipartita dei magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, barbaramente uccisi in due attentati assieme agli uomini della loro scorta per mano della mafia.

Nonostante il tempo che passa il ricordo di questi due grandissimi servitori dello stato rimane vivissimo e oggi la città di Ventimiglia l’ha ribadito con l’intitolazione di Piazza Falcone e Borsellino davanti alle autorità cittadine, locali e regionali.

“Qui vi era via Martiri della Libertà“, racconta il sindaco Gaetano Scullino: “Noi l’abbiamo rinominata Piazza Falcone, Borsellino e gli agenti della scorte, ma non ha cambiato nome perchè questi uomini sono martiri della libertà“.

Presente alla cerimonia il fratello di Paolo, Salvatore Borsellino che questa mattina ha incontrato gli studenti delle scuole ventimigliesi: “Da un lato ho molta rabbia perché dopo 28 anni non si è ancora arrivati alla verità; dall’altra ho fiducia nei giovani, ogni volta che posso cerco di incontrarli. Proprio questa mattina ho incontrato diversi studenti di Ventimiglia e mi hanno riempito il cuore di speranza“, commenta.

Il presidente del Consiglio regionale Alessandro Piana: “Ventimiglia ha voluto dare un segnale importante contro l’illegalità e la sopraffazione ricordando questi eroi contemporanei“.

Nel video di Riviera Time le immagini e le interviste a Salvatore Borsellino, al sindaco Gaetano Scullino e al presidente Alessandro Piana.