slot

Continuano le iniziative organizzate dall’Amministrazione Ioculano contro l’azzardopatia, a tutela della salute pubblica e delle fasce più deboli della cittadinanza.

Dopo il regolamento del 2014 che sancisce una doverosa distanza dalle macchinette slot dai luoghi sensibili,
– l’aumento della TARI del 2016 ai possessori di apparecchi con vincite in denaro,
– l’ultima e piĂš famosa ordinanza sindacale del novembre scorso che prevede lo spegnimento delle slot dalle 7 di mattina alle 19 di sera
– e la petizione a supporto del provvedimento attivata anche nei comuni limitrofi,

ora è il momento di un convegno sul tema alla presenza di ASL e medici specializzati che presenteranno i dati e i danni del gioco compulsivo e patologico.

L’incontro “Gioco d’azzardo patologico: la nostra campagna NO SLOT” si terrà venerdì 1° febbraio alle ore 21 presso il salone polivalente del chiostro di Sant’Agostino in piazza Bassi, e sarà aperto al pubblico e al dibattito.

Ad aprire i lavori il Sindaco Ioculano, che presenterĂ  il provvedimento emesso per staccare la corrente alle slot con analisi e motivazioni legate al territorio. Si continuerĂ  con un’illustrazione tecnica sui danni derivanti dal Gioco d’azzardo Patologico a cura di Giancarlo Ardissone e Silvia Marcuzzo dell’ASL 1 Imperiese, Dipartimento Integrato Salute Mentale e dipendenze sede di San Remo e Benedetta Battaglia, Alessandra Sciolè Cooperativa Sociale “L’Ancora”, si passerĂ  all’intervento di sensibilizzazione “Lettera aperta al TAR” di Mara Lorenzi, consigliera comunale a Bordighera proponente della raccolta firme “ANTI SLOT” e si arricchirĂ  delle testimonianze di persone che hanno vinto la battaglia contro il gioco patologico, con la partecipazione dell’associazione “Giocatori Anonimi”.

L’incontro si chiuderà con interventi del pubblico e dibattito.

Articolo precedenteSanremo, incontro alla Confartigianato dedicato agli odontotecnici
Articolo successivoRoger Holtom: dalla musica alla pittura all’insegna della libertĂ  di espressione