Ventimiglia, ex dipendente Agnesi assunto a Cala del Forte: la storia di Marco e dei primi 4 dipendenti del nuovo porto

Durante la conferenza stampa di questa mattina, nella quale l’amministrazione e la direzione di Cala del Forte hanno fatto il punto sui lavori del nuovo porto di Ventimiglia, sono stati presentati i primi 4 dipendenti. Tre ormeggiatori e una receptionist. Tra questi anche Marco Matarese, ex dipendente dello stabilimento Agnesi di Imperia. Storica realtà del Ponente, la fabbrica chiuse nel 2017 lasciando a casa oltre 150 lavoratori.

“La mia storia è un po’ lunga. Sono un ex dipendente Agnesi e mi sono dovuto reinventare facendo leva sul mio diploma di tecnico nautico. A settembre mi hanno comunicato che avrei fatto parte di questo nuovo staff. È stata una botta di adrenalina. Vivendo un periodo particolare, essendo rimasto a piedi dalla fabbrica, questo è un nuovo inizio in un ambiente lavorativo che è sempre stato il mio sogno.”

Una storia a lieto fine che unisce la chiusura di una realtĂ  produttiva e lavorativa importantissima per la provincia di Imperia con il futuro di un’opera che ha l’ambizione di rilanciare il turismo e l’economia dell’estremo Ponente.

Insieme a Marco Matarese hanno preso servizio oggi anche Erica Celli, Ugo Lo Bello e Riccardo Ferraro. Nel video servizio a inizio articolo le loro storie e le loro testimonianze.

Stanno andando avanti, intanto, i lavori del porto. I primi yacht sono previsti per il 15 ottobre. Quando lo scalo turistico aprirĂ  saranno diverse le assunzioni: circa 15 quelle dirette di Cala del Forte, ma si arriverĂ  a un totale di circa 160 posti di lavoro grazie all’area nautica e alle attivitĂ  commerciali e di ristorazione che apriranno nel 2021.

Articolo precedenteSansa, un lunedì nel ponente ligure: “La Liguria non sarebbe in grado di sopportare una seconda ondata di contagi a causa della ‘sanitoti’”
Articolo successivoPrimi posti di lavoro nel nuovo porto di Ventimiglia, Fellegara (CGIL): “Buona notizia. Si esce dalla crisi con un solo antidoto: il lavoro”