Circa 6 milioni di aiuti a sostegno delle imprese danneggiate dalle alluvioni dello scorso novembre in provincia di Imperia e Savona.

I due bandi, che prevedono agevolazioni e contributi a fondo perduto per i danni subiti dalle aziende, sono stati presentati oggi durante un incontro in cui è intervenuto, in assenza dell’assessore ligure alle attività produttive Edoardo Rixi, il capogruppo regionale della Lega Alessandro Piana assieme a dirigenti e tecnici liguri. Presente anche Confcommercio Imprese per l’Italia di Imperia in rappresentanza di molte aziende della Valle Arroscia, una delle zone più colpite.

Nel primo caso gli aiuti (dotazione di 2 milioni 850mila euro) vengono concessi sotto forma di prestito agevolato nella misura massima del 100 per cento dell’intervento ammissibile: il tasso di interesse  è dello 0,5% per una durata massima di 5 anni e l’importo agevolabile è di 200mila euro. Le spese ammissibili riguardano: ripristino immobili; spese tecniche (progettazione, collaudi); riparazione e riacquisto impianti produttivi; rottamazione di beni mobili; riparazione o acquisto di scorte di materie prime; spese per la redazione di perizie. Ed ancora sono ammissibili spese per trasferimento della sede danneggiata.

Per quanto riguarda il bando che elargisce contributi a fondo perduto fino a 200mila euro (dotazione di 3 milioni di euro) sono stabiliti i seguenti parametri: 30% della spesa ammissibile per le micro imprese; 20% per le piccole imprese e 10% per le medie imprese. Le voci di spesa ammissibili: opere murarie; acquisizione di impianti produttivi, macchinari e attrezzature; acquisizione di brevetti, licenze, programmi informatici.

Le domande di partecipazione al primo bando vanno presentate alla Camera di Commercio Riviere di Liguria dal 3 al 31 luglio 2017; mentre per il secondo le domande vanno presentate a FILSE, la finanziara della Regione Liguria, dal 3 al 16 ottobre 2017.