È stata emanata ieri nel tardo pomeriggio dal sindaco di Taggia, Mario Conio, un’ordinanza di divieto di consumo dell’acqua ad uso alimentare se non previa bollitura.

La decisione è stata presa a seguito delle analisi effettuate dall’Asl sulle acque provenienti dall’acquedotto di Regione Teglie, da cui sono emersi alcuni parametri biologici leggermente fuori norma.

L’ordinanza riguarda tutte le abitazioni del Comune di Taggia poste a nord del cimitero ed esclude quindi Arma e Levà.

Abbiamo emesso l’ordinanza in via precauzionale. In questo caso però è limitata solamente all’attività del bere perché, previa bollitura, si può utilizzare per fini alimentari”, spiega il sindaco Conio.

L’auspicio è che con le nuove analisi che saranno effettuate nella giornata odierna, possa risolversi il problema e quindi possa rientrare l’allarme.