Sigilli al centro massaggi cinese di Levà a Taggia. L’operazione dei Carabinieri, che arriva dopo due anni e mezzo di indagini, ha visto coinvolte anche altre attività della Provincia di Imperia.

Come riportato dai quotidiani locali ‘Il Secolo XIX’ e ‘La Stampa’, l’ipotesi di reato è quella di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione in quanto si tratterebbero di centri massaggi a luci rosse.

I dettagli non sono ancora stati resi noti, ma dopo le lunghe indagini delle forze dell’ordine, i centri massaggi sono stati chiusi su disposizione della Procura.