Da più di un anno il Comune di Sanremo chiede chiarezza in merito al caso del piazzale del rio Ciuvin. Nel 2017 il Movimento 5 Stelle ha depositato un esposto e riportato in luce il problema di un luogo in cui nel corso degli anni si sono verificati molti mutamenti. La zona vicina alle carceri di Valle Armea è passata da essere una valle con coltivazioni, fiumi e strade a un piazzale enorme occupato da metri cubi di materiale depositato dalla società Idroedil.

Dopo l’esposto, il Comune ha depositato un’ordinanza alla Idroedil per ripristinare la zona del rio Ciuvin, recuperando le strade, mettendo in sicurezza la zona e rifacendo i lavori di tombinatura. Il 10 ottobre il Tar si pronuncerà in merito al ricorso portato avanti dalla società contro l’ordinanza.

A preoccupare la possibile pericolosità per la salute dei materiali depositati nell’aera da oltre 30 anni. Il Movimento 5 Stelle chiede a tutti gli enti interessati, quali Arpal e Asl, di svolgere delle verifiche sul luogo e nel sottosuolo. La preoccupazione oltre al rischio per la salute è anche il rischio ambientale derivante dal conferimento di materiale potenzialmente inquinante.

Articolo precedentePolizia, risultati positivi in provincia con l’aumento dei controlli
Articolo successivoRiva Ligure, ogni lunedì il Comandante dei Carabinieri Massabò a disposizione dei cittadini