Da Ventimiglia a Cervo, sono tantissime le bocciofile che anche nei pomeriggi estivi si riempiono di appassionati. “Una volta c’erano tanti giovani, ora è difficile vederne. È uno sport povero che non attira più,” ci racconta Ferdinando Biancavilla alla bocciofila di Arma di Taggia.

    Ferdinando è stato un grande campione di bocce. Prima membro della nazionale francese, ora avversario temuto in tutto il Ponente.

    “Si dice che sia uno sport da ‘gotti’, ma in realtà ci vuole tantissimo allenamento, coordinazione, tecnica ed esperienza,” continua.

    A Riviera Time Ferdinando Biancavilla spiega questo sport ormai dimenticato dalle nuove generazioni.