Il M.A.C.I. – Museo Arte Contemporanea Imperia prosegue la sua stagione di mostre ed eventi TEMPO’18 presentando un’importante ed inedita collaborazione.

Da mercoledì 25 a sabato 28 luglio il Museo di Arte Contemporanea Imperia sarà infatti la nuova splendida location per la nona edizione del Filmcaravan festival, manifestazione che, con la direzione artistica di Fabrizio Polpettini e l’organizzazione di Monique Martini, da anni porta ad Imperia progetti cinematografici di respiro europeo.

Arte cinematografica e arte contemporanea dunque, si uniscono in un contesto di significato, per dare vita ad una quattro giorni di proiezioni, incontri, bellezza all’insegna del sincretismo artistico.

Negli affascinanti spazi esterni di Villa Faravelli – dimora storica del 1938 circondata da un ampio parco a picco sul mare e sede del M.A.C.I. – il Filmcaravan mantiene la sua formula di sempre, ovvero con tradizionali proiezioni all’aperto, su uno schermo allestito per questa edizione 2018, tra le palme e la vegetazione mediterranea del giardino del museo.

La rassegna è realizzata in collaborazione con Comune di Imperia – Assessorato alla Cultura e con il coordinamento di Cooperativa CMC, società gestrice e responsabile delle attività del M.A.C.I.

Le serate di mercoledì 25, giovedì 26 e venerdì 27 luglio, saranno dedicate alla competizione internazionale: una selezione di quattordici cortometraggi (provenienti da Francia, Australia, Corazia, Germania e USA, tra gli altri) – perlopiù inediti in Italia – a presentare una panoramica della creazione cinematografica contemporanea, «artisticamente esigente, intellettualmente provocante», non priva di spunti politici, umoristici e letterari.

A giudicare le opere, una giuria tutta al femminile: Marietta Von Hausswolff Von Baumgarten (sceneggiatrice svedese), Sara Rastegar (regista iraniana), Ruth Reid (produttrice scozzese)e Natacha Seweryn (programmatrice del festival Premiers Plans di Angers).

Nella serata conclusiva di sabato 28 luglio infine, l’assegnazione dei premi della giuria e del pubblico, sarà seguita dalla proiezione del film di chiusura Half life in Fukushima del duo italo-svizzero Mark Olexa e Francesca Scalise: un ritratto elegante e contemplativo di due uomini che hanno deciso di restare a vivere nella terra di nessuno circostante il reattore di Fukushima dopo l’incidente nucleare.

Nell’occasione, sarà inoltre organizzata un’estrazione a sorte per assegnare a un fortunato spettatore votante una selezione di prodotti liguri.

Per tutta la durata del festival – da mercoledì 25 a sabato 28 luglio – il M.A.C.I. di Imperia sarà aperto e visitabile dalle h 16.30 sino alle h 21.00 con la possibilità di acquistare il biglietto (comprensivo di accesso alle proiezioni e visita al museo) secondo una duplice formula: ingresso per una serata (con intero a € 5 e ridotto Under 26 a € 3) o abbonamento alle quattro serate (con intero a € 10 e ridotto Under 26 a € 6).

Entrambe le tipologie di biglietto daranno accesso diretto alle proiezioni, oltre che alla visita alla villa e alla Collezione permanente Architetto Lino Invernizzi, che annovera opere dei maestri italiani ed europei dell’arte del primo Novecento – da Lucio Fontana a Marino Marini, da Josef Albers a Gerhard Richter, da Sonia e Robert Delaunay a Max Bill.

Ogni sera, a partire dalle h 19.00 sarà inoltre presente un punto bar “drink&food” a cura di ArteCafé per chi desidera bere un bicchiere o consumare una cena leggera prima dell’inizio delle proiezioni, immerso nel verde di Villa Faravelli.

L’evento è patrocinato dal MIBACT (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo), dall’UNESCO e dalla Regione Liguria e dalla Città di Imperia.

Articolo precedenteRiccardo Graziani: “I miei primi giorni intensi da bagnino”
Articolo successivoDianese nuovamente senz’acqua, i sindaci: “Basta! Vogliamo risposte”