L’Oratorio di San Sebastiano sorge nel cuore di Dolceacqua, a pochi passi da un’ampia piazza su cui affacciano attività commerciali e di ristorazione. Il quartiere è denominato Terra, in opposizione alla zona dell’Isola, che si trova sulla sponda opposta del torrente, dove sorgono il Castello e il borgo fortificato. Sede dell’omonima confraternita ancora attiva, l’Oratorio raccoglie interessanti testimonianze figurative dell’arte locale.

Le scarse fonti bibliografiche attestano al XVII secolo la costruzione dell’edificio. La facciata, dipinta e decorata a stucco, è suddivisa in due ordini da un cornicione e dalla classica decorazione a festone: al centro, sopra al portone in legno con cornice in ardesia, una nicchia con la statua di San Sebastiano; ai lati del settore centrale, due nicchie, che ospitano a sinistra la statua di San Rocco, a destra la statua di Sant’Antonio Abate, poste ad un’altezza inferiore rispetto a quella centrale; gli spazi sono scanditi da lesene con la base su un alta zoccolatura, sormontate da semplici capitelli. La sommità della facciata, è delimitata da un timpano con una cornice tonda al centro e un basamento con la croce in ferro.