Giuseppe Conte

Coprifuoco dalle 22 alle 5, massimo livello di smart working per il pubblico e incentivato per il privato, didattica a distanza per gli studenti delle scuole superiori, chiusure di sale scommesse e musei, riduzione al 50% della capienza massima per i mezzi di trasporto e soprattutto divisione dell’Italia in aree più o meno a rischio a causa del contagio da covid-19.

Questo quanto si legge nell’ultima bozza del nuovo dpcm che verrà firmato, in serata o al massimo domani mattina, dal premier Giuseppe Conte. Bozza che viene riportata in questi minuti da tutti i principali quotidiani nazionali.

Per le regioni più a rischio, rosse: Lombardia, Piemonte e Calabria si parla di un nuovo lockdown dalla durata di almeno 15 giorni.

La nostra regione rientra invece attualmente nella fascia arancione in base all’indice rt e quindi, sempre da suddetta bozza, dovrebbe avere ulteriori restrizioni locali. Tra queste la chiusura totale di bar e ristoranti.

Si attende ora l’ufficialità dalle parole del primo ministro, ma l’ulteriore giro di vite, con durata dal 5 novembre al 3 dicembre, è ormai cosa fatta.

Articolo precedenteRogo in cella Sanremo, Campomenosi e Corso (Lega): “Intervento encomiabile della polizia penitenziaria, va garantita assistenza sanitaria adeguata e pieno sostegno agli agenti”
Articolo successivoFirmato nella notte il nuovo dpcm: ecco le regole valide per la Liguria