La Federalberghi della Provincia di Imperia è abbastanza soddisfatta per un numero di presenze positivo registrato durante questo Capodanno.

Il presidente Igor Varnero non nasconde però la preoccupazione sulla chiusura invernale di molte strutture: “La decisione di alcuni alberghi di non aprire per le Feste ha ridotto di molto la nostra capacità ricettiva. Su questo siamo preoccupati perché dimostra la debolezza del mese di gennaio e che le grandi strutture non hanno più la convenienza economica ad aprire per pochi giorni prima di richiudere. L’aumento della stagionalizzazione dei flussi è un fenomeno da contrastare. L’inverno per la Riviera dei Fiori, a maggior ragione, è sempre stato il punto di forza”.

Le ottime offerte degli eventi festivi in tutta la Provincia sono stati comunque proficui, anche se il consiglio del presidente Varnero è quello di organizzare eventi che attraggano turisti anche nel periodo di bassa stagione, come l’eccellente esempio del Festival di Sanremo.

Un’altra proposta importante, seppure più difficile, è il miglioramento delle infrastrutture: “Dobbiamo superare questo ‘gap’ delle infrastrutture stradali, ma anche far funzionare i centri congressi sia di Sanremo che di Imperia, perché questi potrebbero generare presenze in periodi di bassa stagione”.

Il presidente Varnero infine ha espresso le sue aspettative per una corretta applicazione dell’imminente tassa di soggiorno: “Ci aspettiamo che tutti i Comuni che decidano di applicare la tassa facciano il piano marketing insieme a noi, e che questi siano coordinati, senza sprechi del gettito della tassa in iniziative ‘spot’ o solitarie, di cui non era compito dei Comuni fino al 2015, anche se gli operatori probabilmente queste competenze le hanno già, pertanto è necessario collaborare“.