video

L’Associazione culturale Amici di Francesco Biamonti è nata nel 2002, un anno dopo la scomparsa dello scrittore originario di San Biagio della Cima, piccolo borgo nell’entroterra di Vallecrosia.

Essa vede collaborare insieme i familiari e i numerosi amici di Francesco, con il sostegno del Comune. Scopo principale dell’Associazione è quello di promuovere ogni iniziativa di carattere culturale, artistico o didattico nell’intento di mantenere, diffondere e valorizzare la conoscenza dell’opera letteraria di Francesco Biamonti e della sua figura culturale ed umana ed inoltre di collaborare con i familiari alla cura e alla valorizzazione del suo archivio letterario, della sua biblioteca e della Casa Biamonti.

In tale ottica l’Associazione ha individuato alcuni ambiti tematici di riferimento sui quali in questi anni ha imperniato la propria attività. Fra questi in primo luogo quello letterario, sia in riferimento in modo specifico all’opera di Francesco Biamonti, sia, più in generale al mondo della letteratura o della poesia con particolare riguardo alle tematiche e ai filoni letterari cari a Biamonti; quello artistico, con particolare attenzione ai rapporti fra arte e letteratura, in generale e nell’opera di F. Biamonti e quello della tutela del paesaggio ligure (inteso sia come paesaggio agrario sia come paesaggio naturale) e della cultura del territorio (centri storici, fasce, case rurali, cultura dell’ulivo e della vite…), tutto quel patrimonio naturale e culturale da preservare dalla violenza e dall’avidità dell’uomo.

L’Associazione si propone come punto di riferimento e di supporto per chiunque voglia avvicinarsi, approfondire o ricordare l’opera e la figura di Francesco Biamonti ed il contesto umano, ambientale e culturale in cui è vissuto, fornendo le proprie competenze e la propria collaborazione.

Riviera Time ha incontrato il presidente dell’Associazione, Corrado Ramella.

Articolo precedente16 anni dalla strage di Nassiriya: Sanremo ricorda i caduti
Articolo successivoVentimiglia, la Confesercenti interviene sul Parco Roja: “La rugginosa burocrazia ha allontanato gli investitori”