video

“È un momento molto difficile anche per il nostro settore”. Riassume così l’attuale situazione del commercio nella città di Ventimiglia Elisabetta Marchetti, titolare del negozio Marchetti Confezioni.

I saldi appena conclusi, complice la zona arancione rinforzata in cui il distretto ventimigliese è da settimane, non hanno dato il risultato sperato.

“Paghiamo il blocco della Francia – prosegue. Ventimiglia vive sul turismo francese che in questo momento manca totalmente. Nel settore abbigliamento ha influito molto anche il non poter uscire, perché se una persona non ha niente da fare anche la voglia di comprarsi un vestito viene a mancare. Non abbiamo nessun tipo di ristoro e gli acquisti di magazzino fatti dall’anno precedente”.

Di avviso simile la collega Stefania Collini della Boutique Christiane: “Il bilancio dei saldi è amarissimo, si può dire che sono passati inosservati. Non c’è gente che gira e la situazione è pesante. Ventimiglia soffre e piange lacrime amare”.

Le interviste complete nel videoservizio di Rivera Time.

Articolo precedenteCovid, Toti: “Da lunedì riprendiamo vaccinazioni con AstraZeneca. In 15 giorni recupereremo appuntamenti saltati”
Articolo successivoCovid: 11 decessi e 324 nuovi positivi in Liguria