E’ impietoso il rapporto di Save the Children che denuncia alla frontiera di Ventimiglia numerosi casi di prostituzione minorile con la quale poi pagare i passeurs, oppure in cambio di cibo o riparo dove dormire.

Il fenomeno coinvolge ragazze provenienti dal Corno d’Africa e dall’Africa sub-sahariana, le quali devono versare cifre dai 50 ai 150 Euro ai passeurs per oltrepassare il confine.

La situazione pare si sia aggravata dopo lo sgombero dell’accampamento nell’area del fiume Roja avvenuta lo scorso Aprile. Da allora è stata rilevata la presenza di molti minori per strada “in condizioni degradanti, promiscue e pericolose”, per la maggior parte eritrei. Tale condizione pare sia aumentata notevolmente rispetto all’anno precedente, dove a esserne colpiti erano il 10% dei transitanti.

 

Articolo precedenteLe ricette del Poggio di Marò: rollata di coniglio con sugo allo zafferano
Articolo successivoLido Idelmery attento alla natura: pic nic ecologico ad Arma di Taggia