italia viva


I Coordinatori liguri di Italia Viva, intervengono, con una nota stampa congiunta, sulle vaccinazioni in Liguria.

“’La regione piĂą anziana (e quindi piĂą fragile) d’Italia, la Liguria, è ferma al 60,2%’, mentre la media italiana delle vaccinazioni effettuate rispetto alle dosi consegnate è del 70,8%.

Questa affermazione del Corriere della Sera è confermata, nella sostanza, dal sito del Ministero della Salute che indicava questa mattina la percentuale ligure di somministrazioni nel 60,8. Peggio di noi, di un soffio, solo la Sardegna e poi la Calabria.

Chiediamo a Regione Liguria, ad Alisa e alle 5 Asl liguri di spiegare cosa sta accadendo. Al di lĂ  del ritardo nella consegna delle dosi – che è uguale per l’intero Paese – perchĂ© la somministrazione in Liguria langue? Alisa e Regione Liguria sono in grado di dirci quale organizzazione abbiano messo in campo per somministrare le dosi di vaccino giĂ  consegnate? Se questa organizzazione è stata concordata e condivisa con i territori?

Qual è il piano vaccinale con la programmazione di dettaglio della somministrazione in cui sia possibile comprendere quante squadre sono impiegate, il numero di vaccini da somministrare secondo quali tempi, quali le priorità individuate, secondo quali tempi, dalla Liguria e quali le varianti introdotte da ogni singola Asl rapportate alla numerosità dei vaccinandi di ogni territorio?

Dove possiamo reperire quotidianamente i dati di somministrazione per comprendere se i tempi e i programmi sono stati rispettati?

Purtroppo da tempo denunciamo una mancanza di trasparenza sulla gestione ligure delle vaccinazioni, che ripete quella della gestione dell’intera emergenza sanitaria dal suo inizio. Sul piano vaccinale di Toti non abbiamo mai letto nulla, se non gli articoli in cui si accavallano informazioni spesso fuorvianti.

Molta confusione si è fatta sui metodi di prenotazione – numero verde, portale on line, lettere dei comuni, e conseguenti adesioni, consegnate da tempo, prenotazioni in farmacia, coinvolgimento dei medici di famiglia – tutti annunciati in conferenze stampa e in comunicati che spesso confliggono con le comunicazioni locali e con il concreto operare delle singole asl.

A fronte degli annunci quel che vediamo è la scarsitĂ  di personale reperito per la vaccinazione che, insieme alla disorganizzazione è l’unica spiegazione alla dilatazione dei tempi che saranno necessari ad immunizzare la popolazione. Di questo passo sarĂ  impossibile pensare di portare in tempi brevi a una nuova normalitĂ  i nostri concittadini liguri.

La situazione è di certo molto complessa per questo non ha bisogno di conferenze stampa imbonitrici ma di programmazione chiara e amministratori all’altezza”.

Articolo precedenteCovid, Toti: “A breve seconda parte piano vaccinale destinato a under 65 e categorie prioritarie. Su calendario vaccini over 80 riprogrammeremo dosi entro fine maggio”
Articolo successivoGiorgio Mulè nuovo Sottosegretario alla Difesa, il commissario provinciale di Forza Italia Simone Baggioli: “Un successo per la provincia di Imperia”