[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/251650106″]Dopo l’approvazione dell’introduzione della tassa di soggiorno nei comuni del bacino intemelio, il Sindaco di Ventimiglia Enrico Ioculano torna sull’argomento, spiegando l’importanza strategica che la tassa avrà per promuovere e rilanciare il turismo.

“Lo scorso anno abbiamo aperto a fatica due info point che hanno ottenuto ottimi risultati. La tassa di soggiorno servirà proprio per finanziare un settore che ha gravi difficoltà per le poche risorse comunali,” spiega.

La tassa, che sarà introdotta nei prossimi mesi, varierà tra i 2,5 euro e 1 euro (per notte a persona) a seconda della tipologia di soggiorno:

  • Hotel a 4 o 5 stelle: 2,5 euro
  • Hotel a 3 stelle: 1,5 euro
  • Hotel 2 o 1 stella: 1 euro
  • Villaggi turistici a 4 stelle: 1,5 euro
  • Villaggi turistici a 3, 2, 1 stella: 1 euro

Il 60% dei proventi della tassa andranno a finanziare il reparto turistico, il marketing, la comunicazione e i servizi offerti. Il restante 40% sarà a disposizione dei comuni per migliorare il decoro della località turistica.

Articolo precedenteDiano Marina, la guerra degli stendini nelle vie del centro
Articolo successivoPiscina, vertice della Commissione Vigilanza in Comune. Capacci: “Al momento non riapre”