Il mondo dell’associazionismo sportivo e della danza ha vissuto la chiusura di migliaia di scuole e centri con innumerevoli disagi. Da un recente studio risultano essere più di 1,5 milioni gli allievi che praticano danza in Italia, un esercito artistico.

Negli ultimi giorni sono emerse importanti novità per la prossima riapertura dei centri, ne abbiamo parlato con Lorenzo Semeraro, Istruttore e Presidente dell’Asd Arts Studio di Imperia: “Fortunatamente negli ultimi giorni il ministro dello sport e politiche giovani Vincenzo Spadafora ha dato notizie incoraggianti, con una bozza di protocollo che verrà vagliata in questi giorni dal comitato scientifico per definirla in modo da poter riaprire tra il 18 e il 25 maggio, chiaramente adeguandoci ai protocolli”.

Quali saranno le maggiori difficoltà per la riapertura?

“Per ora abbiamo visto solo bozze dei protocolli da mettere in atto e aspettiamo conferme e le eventuali modifiche dal comitato scientifico che potrebbe ribaltare tutto. Sicuramente avremo le norme che già sono messe in pratica nei locali commerciali con in più, per ora, l’impossibilità agli allievi di poter utilizzare gli spogliatoi e a ognuno dovranno essere garantiti 7 mq circa e dovranno essere evitati i contatti con il mantenimento della distanza. Sarà complicato per chi ha spazi piccoli e sicuramente una difficoltà sarà spiegare, soprattutto agli allievi più piccoli, che dovranno evitare contatti e mantenere le distanze, ma si seguiranno tutte le norme”.

Come avete vissuto questo periodo?

Abbiamo sfruttato strumenti di videoconference multipla per stare vicini ai nostri allievi con lezioni gratuite. Le lezioni sono state chiaramente rimodulate per l’attività casalinga dove lo spazio non è idoneo e l’istruttore non può intervenire; abbiamo fato questa scelta sia per fornire un servizio utile, soprattutto verso gli allievi più giovani che hanno sofferto il periodo, e per cercare di mantenere la tonicità in modo da poter ripartire appena possibile senza aver perso troppo”.

Adesso che vedete la possibile riapertura quali sono i pensieri?

Sicuramente il pensiero va verso i nostri allievi che sono l’ossigeno di ogni insegnate e che in questo periodo ci è mancato moltissimo, ripartiremo, ma non si potranno dimenticare questi mesi e un po’ di timore del contagio rimarrà”.

Nel video l’intervista completa a Lorenzo Semeraro dell’Asd Arts Studio di Imperia