vaccinazioni covid borea sanremo

La Fondazione G. Borea e Z. Massa, Covid-free dall’inizio dell’emergenza sanitaria, ha avuto l’opportunit√† di aderire alla somministrazione del vaccino anti-Covid-19, avvenuta in data 8 gennaio 2021, per tutti gli operatori e ospiti che hanno rilasciato il consenso.

“Le adesioni di consenso al vaccino sono state pi√Ļ di quante immaginavamo in partenza – commentano dall’Istituto – considerando un’importante percentuale di vaccinati tra ospiti e operatori. Il vaccino √® arrivato in data 8 gennaio 2021 alle ore 12:30, abbiamo predisposto gli spazi e preparato i moduli di consenso, collaborando con l‚ÄôASL per il corretto svolgimento delle pratiche.

Il personale, giunto in sede per il vaccino, è stato prontamente abile nella collaborazione e nella somministrazione, riuscendo a far sentire tutti a proprio agio.

Il vaccino anti-Covid-19, per tutti noi, contiene: gli abbracci che non ci siamo potuti scambiare, i sorrisi nascosti dietro alle mascherine, le carezze che ci sono mancate e gli attimi che non abbiamo potuto trascorrere insieme ai nostri cari. Conterr√† inoltre la speranza nel futuro, la fiducia nella scienza e la gratitudine rivolta a tutti gli operatori sanitari impegnati nell’emergenza. Alla Fondazione G. Borea e Z. Massa ci siamo vaccinati per Voi, per i nostri ospiti e per le loro famiglie.

Noi tutti, ci siamo vaccinati per coloro che hanno contratto il virus, per coloro che hanno sofferto, per coloro che hanno perso la vita e per le loro famiglie. Noi ci siamo vaccinati perch√© crediamo nel futuro e nella speranza di poterci riabbracciare. Infine ci riteniamo molto fortunati per aver avuto la possibilit√† di vaccinarci e siamo molto grati a tutti coloro che si sono impegnati nell’organizzazione di questa giornata e nella somministrazione dei vaccini.

Ringraziamo quindi tutto il personale presente, in particolare il personale ASL per la preziosa collaborazione”.

Articolo precedente‘Acrobatiche sere’, online il nuovo videoclip del cantautore imperiese Eugenio Ripepi
Articolo successivoSanremo: i 50 anni dell’Istituto di Diritto Umanitario, un’eccellenza riconosciuta in tutto il mondo