La presentazione al pubblico, lo scorso agosto, del project financing realizzato dalla Porto di Sanremo Srl, riguardo alla riqualificazione del Porto Vecchio e di tutta l’area circostante, ha destato molto interesse nei sanremesi e negli addetti ai lavori che vedono in quest’opera la possibilità di rilanciare l’economia e il turismo della Città dei Fiori.

In questi mesi il Comune ha bloccato l’iter per chiedere delle valutazioni tecniche ulteriori sul progetto che prevede la risistemazione delle imbarcazioni, la valorizzazione della zona dei ‘baretti’, la realizzazione di un mercato del pesce vicino Santa Tecla. Tra le innovazioni più importanti anche l’interramento di via Nino Bixio tramite una galleria, permettendo così di creare una grande area pedonale unendo il porto al centro città.

Il Porto Vecchio sta destando molto interesse tra gli imprenditori locali. Il 31 gennaio scorso, in Comune, la Portosole C.N.I.S. Spa ha presentato un secondo progetto.

“Avere due progetti è qualificante perché possiamo valutare due idee differenti. Prevedono soluzioni diverse con collocazioni di servizi e delle imbarcazioni oltre ad una scelta diversa per l’area dei baretti,” commenta Mauro Menozzi, assessore al Demanio.

Una società terza sta ora valutando il piano finanziario dei due progetti. Questi, poi, dovranno passare in Consiglio Comunale.

“Solo uno sarà dichiarato di interesse pubblico e verrà messo a gara,” spiega Menozzi.

Una partita importante dunque si gioca sul Porto Vecchio. Una partita dal cui esito dipenderanno molto le ambizioni e le aspirazioni future dell’intera città di Sanremo.