Il suono delle ruote che sfrecciano a tutta velocità, il canto dei gabbiani e l’eco delle onde che si infrangono sulla battigia. Il ritmo cadenzato dei corridori professionisti, quello più lento e irregolare dei principianti.

Il clacson di un risciò, la sirena di una nave in lontananza, il sibilo di un monopattino elettrico che ci sfreccia accanto. Le chiacchiere dei gruppi di camminatori. Le risate e i sorrisi in una domenica mattina passata sotto il sole, la gioia dello sport all’aria aperta. Il saluto di chi si incontra per caso, il fruscio delle palme mosse dal vento.

Ognuno di questi suoni è il suono di Sanremo. La sua musica unica che scandisce le giornate sulla pista ciclabile.

Informazione pubblicitaria

Articolo precedenteMolini di Triora: aiuti dal Comune per le attività in difficoltà
Articolo successivoCovid, Toti: “Via dalla prossima settimana a terze dosi di vaccino per sanitari ospedalieri e non”