video
07:54

Roberta Cento Croce inizia la sua carriera frequentando la Facoltà di Architettura. Dopo la laurea si è fermata in università per seguire come assistente quello che era stato il suo corso di laurea, “pianificazione territoriale e urbanistica” corso che al di là del suo “titolo” era incentrato sullo studio del territorio e della sua evoluzione nata dalla continua interazione tra uomo e mondo naturale.

La sua formazione le è fondamentale per leggere i processi territoriali e l’evoluzione del paese nella storia, ed è molto vicina alla visione dell’ambiente che ha oggi il FAI, quella che ci fa vedere ciò che ci circonda, anche il paesaggio più selvaggio, come frutto della suddetta interazione.

 Le tappe di crescita nell’ambito del FAI sono state: 1989/90, prima iscrizione e ruolo di delegata nella delegazione di Imperia, nel 2003 Capo Delegazione di Imperia, dal 2014 Presidente FAI Liguria.

“Sono nata a Genova il 15 novembre 1950, però ho vissuto la mia infanzia e giovinezza a Ventimiglia, anzi a Latte, un luogo magico cui sono legate tutte le mie prime esperienze e che amo moltissimo”, ci racconta Roberta.

L’intervista completa nel video-servizio a inizio articolo.

Riflessione psicologica a cura della dott.ssa Patrizia Sciolla

“Nello scorso numero abbiamo indicato i punti su cui esercitarci per realizzare il nostro cambiamento ed il tutto è naturalmente proiettato verso l’ottenimento della nostra felicità.

La felicità può essere sintetizzata.

Sir Thomas Brown scrisse nel 1642: “Sono l’uomo più felice al mondo. Ho in me la capacità di convertire la povertà in ricchezza, l’avversità in prosperità. Sono più invulnerabile di Achille; la fortuna non ha un singolo posto dove colpirmi.”

‘Che razza di macchinario eccezionale ha questo tizio nella testa?’

Semplice! La felicità naturale è ciò che proviamo quando otteniamo quello che vogliamo, mentre la felicità sintetizzata è ciò che facciamo quando non otteniamo i ciò che vogliamo.

Nella nostra società, abbiamo questa convinzione radicata, che la felicità sintetica sia di natura inferiore. Come mai? Ma è molto semplice.

Quale tipo di sistema economico ci sarebbe se credessimo che non ottenere quello che vogliamo, può renderci felici esattamente quanto l’ottenerlo? Per cui miei cari… esercitatevi in questo mese a cambiare il corso delle vostre esperienze iniziate a vedere le cose che non vanno come ostacoli da superare e non muri invalicabili ritroverete presto la felicità… Pensate ad una tragica esperienza passata e guardate come poi si è evoluta siete più contenti di prima?”

Articolo precedenteBordighera, conclusa la scultura di Giancarlo Mazzoni: verrà posizionata nella fontana del Bel Sit
Articolo successivoCovid, scuole: positivo uno scolaro nel distretto imperiese nelle ultime 24 ore