riviera trasporti

Le segreterie di Cgil, Cisl e Uil della Riviera Trasporti, a seguito delle dichiarazioni del presidente della Provincia Claudio Scajola, durante i lavori dell’ultimo consiglio provinciale, sul rinvio dell’omologa del concordato, si dichiarano fortemente preoccupati e innalzano il livello di attesa vigile a stato di agitazione, che verrĂ  proclamato nelle prossime ore.

“Vista l’impossibilitĂ  di Scajola a riceverci su nostra richiesta, impegnato su altri fronti, in primis la campagna elettorale, siamo stati ricevuti dal consigliere delegato Danile Ventimiglia e in quella riunione Ăš emerso che lo slittamento dell’omologa era stato richiesto di comune accordo tra societĂ  e proprietĂ  per difficoltĂ  legislative nel conferimento di beni immobili allo scopo di aumento di capitale”, esordiscono i sindacati.

“Per cui le dichiarazioni palesemente contrarie dell’on. Scajola gettano nel dubbio tutto il percorso intrapreso. Lo stesso Ventimiglia, alle nostre incalzanti richieste, garantiva che una volta espletato l’iter in tribunale, gli uffici tecnici sarebbero stati sufficientemente celeri per espletare tutte le procedure necessarie al mantenimento in vita di RT”, continuano. “Ricapitalizzazione, affidamento in house e aumento del corrispettivo chilometrico, tutti elementi imprescindibili e legati al piano di risanamento depositato in tribunale”.

“Chiediamo rispetto – dichiarano – e soprattutto di essere portati a conoscenza da parte del presidente, sull’effettivo stato dell’arte e sulle reali intenzioni per il futuro di RT, in quanto siamo parte in causa in qualitĂ  di lavoratori e abbiamo dimostrato nel tempo di aver accompagnato le crisi e di essersi adoperati per la sopravvivenza dell’azienda”.

“Per questo non saremo semplici spettatori, ma pretenderemo di avere la giusta importanza nelle decisioni avvenire. Ci aspettiamo pertanto di avere le risposte che possano garantire la pace sociale, che in un momento difficile come questo nessuno dovrebbe minare”, concludono i sindacati.