[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/226923531″]Si è svolto un pomeriggio di porte aperte agli scavi archeologici di Capo Don a Riva Ligure.

L’evento, dal nome emblematico “Prima di Riva”, ha visto la partecipazione di un centinaio di visitatori curiosi di scoprire la storia di uno dei più importanti siti archeologici del Ponente.

Le ricerche, condotte durante questa ultima campagna di scavi, hanno svelato alcuni dei segreti di questo luogo, prima una stazione di posta romana e poi una basilica cristiana del VI secolo.

Nel specifico, i ricercatori del Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana hanno riportato alla luce una numerosa serie di sepolture.

Questa sera alle 21.15 in piazza a Riva Ligure, verranno presentate alla cittadinanza tutte le scoperte e i risultati di queste ultime settimane di scavi.

La Direzione Scientifica del cantiere è affidata al prof. Philippe Pergola, Decano e Professore ordinario del Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana, e al dott. Alessandro Garrisi, dottorando presso il Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana.

Ce ne parla Gabriele Castiglia, direttore del cantiere del Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana.

Articolo precedenteAsl 1 Imperiese, il dr. Marco Giudice è il nuovo direttore dell’Otorinolaringoiatria
Articolo successivoImperia, Capacci rompe il silenzio: “A settembre presenterò una mozione di fiducia su quanto fatto in 4 anni”