Poste Italiane ha presentato oggi il nuovo Centro di Distribuzione di Ventimiglia situato in Via Braie, 600 a Camporosso. Dopo l’inaugurazione ad Imperia del primo centro “full green” in Italia per il recapito della corrispondenza e dei pacchi, avvenuta nello scorso mese di maggio, Poste Italiane continua l’opera di ampliamento e di trasformazione della propria rete logistica.

Il nuovo Centro di Ventimiglia sostiene la strategia di crescita nella logistica legata agli acquisti online, nella rinnovata missione dell’Azienda di vicinanza al territorio.

Nel Centro di Ventimiglia, sono impiegate quotidianamente 47 persone, con volumi annui pari a circa 2 milioni e 360mila invii tra corrispondenza “ordinaria”, posta a firma e pacchi destinati al comprensorio di Ventimiglia composto da 45.000 abitanti, 16.700 civici, 41.300 abitazioni, 2.700 negozi, 850 uffici e 480 altre attività commerciali.

“Questo nuovo Centro – ha detto Pasquale Vitiello, Responsabile del recapito della provincia di Imperia – è uno dei cardini della capillarità della nostra rete distributiva e della rinnovata vicinanza alle comunitĂ  che costituisce un tratto fondante della strategia di crescita di Poste Italiane in linea con il percorso di sviluppo e innovazione delineato dal piano industriale ‘Si24’, Sustain & Innovate’ che prevede oltre 3 miliardi di investimenti nella logistica, il 60% dei quali destinati alla trasformazione tecnologica. Come per gli altri siti che sono stati giĂ  interessati dal nostro investimento, Poste Italiane prosegue nel solco della grande trasformazione del nostro core business di corrispondenza e pacchi e di valorizzare al meglio il potenziale di crescita dell’e-commerce”.

Con l’avvento della tecnologia in un mondo sempre piĂą informatizzato i portalettere, grazie al palmare in dotazione, possono effettuare tutta una serie di operazioni (finanziarie e postali) finora fruibili solo all’interno degli uffici postali, come ad esempio il pagamento di bollettini, la possibilitĂ  di ricaricare Sim telefoniche e carte Postepay o la spedizione di raccomandate.

Quello che si configura come un vero e proprio servizio a domicilio rientra nel programma che Poste Italiane ha adottato per ribadire la sua vicinanza alla clientela e alle esigenze del territorio.

Articolo precedenteCorri per Fabiola 2021: domenica il memorial a Ventimiglia
Articolo successivoBordighera: al via la creazione di un sistema integrato di biglietteria, promozione e servizi per musei e siti d’interesse