[beevideoplayersingle adstype=”video-ads” videourl=”https://vimeo.com/238748022″ videoadsurl=”https://vimeo.com/236432438″ adsurl=”http://www.rivierarecuperi.com/”]L’ospite di oggi dell’Intervista di Riviera Time è Piera Poillucci, capogruppo di Forza Italia a Imperia. L’esponente azzurra commenta la decisione del sindaco Carlo Capacci di non presentare la mozione fiducia nel consiglio comunale del 26 ottobre, come annunciato lo scorso luglio. “Credo gli sia mancato il coraggio”, afferma Poillucci. “Le ultime cene di alcuni esponenti della maggioranza non devono essere piaciute al sindaco e ad altri. Nel dubbio di non avere i numeri, avranno preferito glissare”.

Si parla poi di rifiuti, dopo l’impugnazione davanti al Tar da parte di Teknoservice. “Credo che alla fine si troverà una soluzione non giudiziale, come avvenuto con Tradeco. Appena trovato l’accordo, Capacci potrebbe affidare il servizio con un’ordinanza ad un’altra azienda. Forse prima faranno passare i cittadini dalle forche caudine dei rifiuti per strada”.

E sul possibile ingresso di Amaie nella gestione dei rifiuti, la capogruppo è chiara: “Non abbiamo dei pregiudizi, abbiamo giudizi su quanto fatto finora a Sanremo ed è una cosa vergognosa. Senza un progetto e senza una gestione efficace non si possono fare i miracoli”.

Poillucci commenta la querelle legale sul depuratore tra il Comune e la società che gestisce il depuratore. “È il classico esempio del modo di governare i problemi di Capacci. Si è andati avanti a colpi di ordinanze. Non ci si deve stupire poi se c’è la puzza per le strade”.

L’intervista si conclude con uno sguardo verso le prossime elezioni. “Non credo che si farà fatica a trovare un candidato sindaco, nonostante i tanti problemi. Serve una persona di alto profilo. Sorpattutto, serve una persone di buon senso. Quello che è mancato in questi quattro anni e mezzo”.

Articolo precedenteEx stazione Arma di Taggia, un ostello per attirare turisti. Al via il progetto per rivalorizzare l’area dismessa
Articolo successivo“Porta a porta” a Sanremo, Gorlero VERSUS Baggioli