primo piano - Viale su ordinanza rientri

Nuovi casi di Covid-19 in Liguria. Oggi 63 i contagiati in più, 26 quelli di ieri. Piccoli cluster anche nella nostra provincia a Pigna e a Sanremo con cinque ragazzi 18enni rientrati, positivi, da una vacanza in Croazia.

Abbiamo fatto il punto della situazione con l’assessore alla Sanità e vicepresidente regionale Sonia Viale: “Ciò che è evidente è la capacità del nostro sistema sanitario di agire tempestivamente per contenere e tracciare gli spostamenti delle persone per evitare che ci sia una diffusione. Abbiamo una serie di focolai che si stanno, purtroppo, manifestando nuovamente nella nostra regione. Ripeto però che la nostra capacità di agire tempestivamente non deve creare allarme. Ne abbiamo alcuni in provincia di Savona e altri qui a Imperia”.

Notizia di oggi l’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza che obbliga al tampone coloro che rientrano da Croazia, Grecia, Malta o Spagna.

“Anche qui era un qualcosa di atteso – spiega Viale. Iniziavamo anche noi in Liguria ad avere persone rientranti da alcuni paesi risultate positive. Ieri finalmente su nostra sollecitazione, cioè delle regioni, abbiamo fatto un incontro con il governo al termine del quale è stata firmata un’ordinanza che dà delle specifiche indicazioni.

Chi rientra da Malta, Spagna, Croazia e Grecia deve sottoporsi a tampone obbligatoriamente. Dovrebbe essere il ministero della Salute a effettuare, presso i porti e gli aeroporti, i tamponi. Non sarà così perché il ministero non si è attrezzato quindi le persone dovranno, entro le 48 ore successive, chiamare le proprie Asl di appartenenza per autosegnalarsi e chiedere il tampone. Ovviamente queste persone dovranno mettersi immediatamente in isolamento. È importantissimo per la tutela della salute di tutti”.