Si è svolta questo pomeriggio a Imperia una conferenza stampa sul Bando Periferie e il Decreto Milleproroghe, durante la quale i capigruppo di maggioranza e minoranza hanno firmato un documento di indirizzo politico volto a sollecitare i parlamentari liguri alla modifica dell’emendamento che ha congelato il finanziamento di 18 milioni di euro per la città di Imperia.

La norma, passata con un emendamento a Palazzo Madama, sposta infatti al 2020 (sospendendo la misura per il 2019) l’efficacia delle convenzioni sottoscritte dalla presidenza del Consiglio dei Ministri con 96 sindaci di capoluoghi (87) e Città metropolitane (9) per un investimento complessivo di un miliardo e 600 milioni.

Il documento è stato firmato dai capigruppo di maggioranza e minoranza a eccezione della capogruppo del M5S Imperia, Maria Nella Ponte.

Il testo del documento:

La legge del 28 dicembre 2015 N. 208 recante” Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello stato” ( Legge di stabilità), in particolare l’art. 1 c.974 ha istituito per l’anno 2016 il ” Programma straordinario d’intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capo luogo di provincia”, finalizzato alla realizzazione d’interventi urgenti per la rigenerazione delle aree urbane degradate attraverso la promozione di progetti che vadano a migliorare la qualità del decoro urbano, della manutenzione, del riutilizzo e della rifunzionalizzazione di aree pubbliche e di strutture edilizie già esistenti, volti all’accrescimento della sicurezza territoriale e della capacità della cosiddetta resilienza urbana, al potenziamento delle prestazioni urbane, anche con riferimento alla mobilità sostenibile, allo sviluppo di pratiche, come quelle del terzo settore e del servizio civile, per l’inclusione sociale e per la realizzazione di nuovi modelli di welfare metropolitano, anche con riferimento all’adeguamento delle infrastrutture destinate ai servizi sociali e culturali, educativi e didattici, nonche’ alle attivita’ culturali ed educative promosse da soggetti pubblici e privati.

L’art.1 comma 975 della succitata legge ha stabilito che ai fini della predisposizione del suddetto Programma, gli enti interessati trasmettessero i progetti di cui al c.974 alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, secondo le modalità e le procedure stabilite con apposito bando da approvarsi con Decreto del Presidente del Consiglio di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, con il Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti e con il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Con la stessa legge succitata si è stabilito che per l’attuazione delle disposizioni al comma 974 si istituiva per l’anno 2016 un Fondo denominato ” Fondo per l’attuazione del programma straordinario per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie”; da trasferire al bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei Ministri autorizzando la spesa di 500 milioni di euro per il 2016.

Il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 25 maggio 2016, pubblicato sulla G:U. 127 del 01/06/2016, approvava il bando di cui sopra e definiva le modalità e la procedura di presentazione dei progetti per la riqualificazione urbana delle periferie delle città metropolitane, dei comuni capoluogo e della città di Aosta.

Con questo bando sono stati finanziati 120 progetti, con un investimento complessivo di 4 miliardi di euro, di cui 2,1 statali e quasi altrettanti provenienti da fondi regionali, investimenti privati e altre forme di investimento. I primi 24 comuni hanno beneficiato delle risorse previste dalla medesima legge, mentre per i successivi 96 progetti le risorse sono state assicurate con la legge 11 dicembre 2016, n. 232 (legge di stabilità 2017) dall’articolo 1, commi 104 e 141 tra questi compreso il Comune di Imperia.

Il Comune di Imperia si è aggiudicato la cifra di 18 milioni di euro dei quali 16,3 per il riuso della ex tracciato ferroviario in pista ciclabile e 1,7 per il completamento del parco urbano.

La trasformazione in pista ciclabile del tracciato ferroviario ottocentesco risponde in pieno ai requisiti del bando, consentendo il recupero in tempi rapidi di un’area che al contrario potrebbe trasformarsi negativamente in una periferia urbana caratterizzata da degrado ambientale e peggioramento della qualità della vita.

Il finanziamento della pista ciclabile permetterà inoltre di inserire il tratto cittadino di Imperia nel più ampia ciclo-via oggi denominata “Parco costiero del ponente Ligure” consentendo di collegare il nostro territorio con l’estremo ponente della Provincia, con importanti ricadute di carattere economico ampliando significativamente l’offerta turistica della nostra città.

Il completamento del parco urbano, con il mascheramento del depuratore che ne diminuirà l’impatto visivo e ambientale, oltre ad una fitta piantumazione di essenze arboree ad alto fusto, miglioreranno l’inserimento ambientale di questa importante infrastruttura e garantiranno una migliore fruibilità delle aree verdi attrezzate.

Il Senato ha approvato nell’ambito del decreto denominato milleproroghe l’emendamento 13.2 (testo 2) che prevede al punto 01bis “l’efficacia delle convenzioni concluse sulla base di quanto disposto ai sensi del decreto del P.d.C. Dei ministri 29 Maggio 2017, nonché delle delibere del CIPE n. 2 del 3 marzo 2017 e n. 72 del 7 Agosto 2017, adottate ai sensi dell’art. 1 , comma 141 , della legge n. 232 del 2016 , è differita all’anno 2020.”

In data 29/08/2018 il Consiglio Comunale ha approvato una mozione con la quale si impegnava il Sindaco e la Giunta ad assumere ogni iniziativa politico-amministrativa per tutelare i legittimi interessi della città di Imperia in sede parlamentare affinché venga ritirato l’emendamento sopracitato.

Tenuto conto della sentenza della Corte Costituzionale 74/2018, si invitano il Governo e il Parlamento a provvedere in tempi celeri a ricercare un’intesa con gli enti territoriali in relazione ai decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, riguardanti settori di spesa rientranti nelle materie di competenza regionale.

Considerata l’urgenza della questione in argomento in quanto il decreto-legge cosiddetto “Milleproroghe” verrà discusso alla Camera dei Deputati il giorno Martedì 11/09/2018, e attesa l’importanza delle opere che si potranno realizzare con il finanziamento ottenuto attraverso il bando delle periferie urbane, il Sindaco e i Gruppi Consiliari del Comune di Imperia che sottoscrivono tale appello chiedono con forza e determinazione al Governo ed al Parlamento di individuare ogni iniziativa utile al fine di mantenere il Piano Nazionale delle periferie e specificamente il progetto che riguarda la nostra città, evitando in questo modo il differimento al 2020 dell’efficacia delle convenzioni concluse.