treno ventimiglia ferrovia

Il segretario provinciale generale della Filt Cgil, Michele Delli Carri interviene con una nota stampa sui nuovi treni acquistati da Regione Liguria e sulla viabilità ferroviaria del Ponente ligure.

“Gli ultimi treni acquistati dalla Regione Liguria non sono atti ai 1500v e pertanto non possano circolare fino alla stazione di Ventimiglia. Dalla carta stampata si viene a conoscenza che tale scelta viene fatta a seguito di accordi verbali con RFI ma ad oggi l’unica certezza è che, se la stazione di Ventimiglia o i materiali rotabili non verranno adeguati, i treni si fermeranno nelle stazioni di Imperia o Taggia lasciando sempre più isolato l’estremo Ponente.

L’alternativa sarebbe quella di far viaggiare comodamente l’utenza del Levante ligure sui nuovi treni e lasciare i vecchi sul Ponente con tutte le ricadute che questa scelta comporterebbe sempre sul nostro territorio quali guasti, ritardi o soppressioni dovute al materiale attempato. Inoltre non è da sottovalutare la possibile scelta dei turisti di preferire altre mete piuttosto che fare viaggi della speranza con ricadute sull’economia locale.

A quanto sopra c’è da aggiungere che con la soppressione delle 3 coppie di Thellò di fine giugno erano state inserite 2 coppie di treni Freccia Bianca fino a settembre, riconfermate fino a dicembre; bisogna capire se c’è l’intenzione di prorogare questo servizio con l’orario invernale di metà dicembre, magari con l’aggiunta della coppia di treni dimenticata con l’orario estivo”.

Articolo precedenteAncora grandi risultati per l’Asd Infinity di Imperia alla Monferrato Jiu Jitsu Cup 2021
Articolo successivoImperia: costituita la categoria regionale dei frantoiani della Confartigianato