linea cuneo ventimiglia

“Votiamo per la ferrovia Cuneo-Ventimiglia-Nizza”. L’appello che arriva dal Presidente della Provincia Domenico Abbo si riferisce alla decima edizione del censimento annuale nazionale “I luoghi del cuore” promosso dal Fai (Fondo Ambiente Italiano) con l’alto patronato del Presidente della Repubblica e il patrocinio del Mibact (Ministero per i beni e attività culturali e per il turismo), per sollecitare l’attenzione dei cittadini e delle istituzioni sul valore del patrimonio storico-artistico e naturalistico italiano e sull’importanza di proteggerlo e di valorizzarlo. Si può votare sino al 15 dicembre sia on line accedendo al portale www.iluoghidelcuore.it sia tramite i moduli ufficiali di raccolta voti resi disponibili dal Fai.

Il Presidente della Provincia commenta: “Il mio appello ha come scopo quello di difendere e valorizzare un capolavoro d’ingegneria civile che ha una lunga storia e che ha una considerevole valenza sociale ed economica, ma che purtroppo rischia di scomparire. L’alluvione di inizio ottobre ha una volta di più gravemente danneggiato la zona della ferrovia: votare la Cuneo-Ventimiglia-Nizza significa anche esprimere solidarietà e vicinanza alle comunità colpite”.

Domenico Abbo aggiunge: “Invierò ai sindaci il mio appello affinché anche loro lo rilancino ulteriormente: con l’impegno di tutti potremo raggiungere un obiettivo importante per la nostra collettività. Italia e Francia non possono permettersi di perdere un collegamento primario, che unisce territori di grande suggestione e comunità che hanno vissuto di scambi commerciali e “dialogato” per secoli. Mi auguro dunque che il voto del censimento premi questa infrastruttura, meritevole di un’attenzione, di una cura e di una manutenzione indispensabili per la dignitosa sopravvivenza di un imperdibile “corridoio” che ha sempre unito popoli e tradizioni”.

Articolo precedenteI sindacati scrivono al Governo per la situazione del Casinò: “La tenuta aziendale rischia di essere gravemente compromessa”
Articolo successivoComitato San Giovanni, eletto il nuovo direttivo dell’associazione: confermato presidente Marco PodestĂ