vaccino

L’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha approvato la vaccinazione mista per gli under 60 che abbiano giĂ  ricevuto una dose del vaccino Astrazeneca.

“Sulla base di studi clinici pubblicati nelle ultime settimane – si legge nella nota di Aifa – la CTS ha ritenuto, a fronte di un rilevante potenziamento della risposta anticorpale e un buon profilo di reattogenicitĂ , di approvare il mix vaccinale (prima dose con Vaxzevria e seconda dose con Comirnaty o, per analogia, con il vaccino Moderna)”.

Infine “in considerazione delle evidenze che si sono appena rese disponibili, dell’attuale assenza di specifiche indicazioni nel Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto (RCP) dei farmaci in oggetto e della necessitĂ  di consentire il regolare svolgimento della campagna vaccinale” l’AIFA ha espresso Parere favorevole “all’inserimento nell’elenco dei farmaci di cui alla legge 648/1996 di Comirnaty e Vaccino COVID-19 Moderna come seconda dose per completare un ciclo vaccinale misto, nei soggetti di etĂ  inferiore ai 60 anni che abbiano giĂ  effettuato una prima dose di vaccino Vaxzevria”.

La CTS ha ritenuto che la seconda somministrazione con vaccino a mRNA possa avvenire a distanza di 8-12 settimane dalla somministrazione di Vaxzevria.

Se le Regioni al momento procedono in ordine sparso, la Liguria si è adeguata alle somministrazioni “eterologhe”.

Articolo precedenteTorna la Festa della musica a Cervo: dagli spettacoli nelle vie del borgo al concerto all’alba al Porteghetto: appuntamento il 19 e 21 giugno
Articolo successivoFemminicidi, minuto di silenzio in Consiglio regionale. Il presidente Medusei: “Occorre un’educazione dei sentimenti ancorata alla cultura dei diritti”