La Sanremo della Bella Epoque raccontata da Alberto Guglielmi Manzoni

Alberto Guglielmi Manzoni è nato e residente a Sanremo e fin dagli anni del liceo ha maturato una grande passione per la storia e il passato dei luoghi, in particolare proprio della Città dei Fiori.

“La storia dei nostri luoghi riserva interessantissime sorprese perché forse non ci si aspetta che nel nostro territorio ci siano stati personaggi illustri o che hanno contribuito a rendere famosa la nostra città”, racconta.

Molti furono i russi e i tedeschi che fecero visita a Sanremo, da Maria Aleksandrovna a Federico III di Germania, che fu ospitato proprio a Villa Zirio. E come non citare lo svedese Alfred Nobel di cui ancora oggi la Città porta le testimonianze: “Non molti sanno che Nobel qui a Sanremo ha idealmente concepito il suo testamento poi firmato a Parigi, ha composto una tragedia in quattro atti e ha continuato a fare i suoi esperimenti nel laboratorio della villa”.

Proprio grazie alla sua passione Alberto Guglielmi Manzoni ha scritto un paio di libri sulla storia di Sanremo, tra cui “La villa di Alfred Nobel a Sanremo” e “Tedeschi in Riviera”.

“Ricordando Federico III, quando ci fu il suo soggiorno era corrispondente per il Corriere di Napoli, Matilde Serao, la quale tesse le lodi di Sanremo rispetto a Napoli, affermando che Sanremo fosse superiore per l’alta qualità della vita, la bellezza delle ville, la modernità delle strutture ricreative e alberghiere”, racconta.

Nel video-servizio di Riviera Time, Alberto Guglielmi Manzoni racconta qualche aneddoto legato alla Sanremo di fine ottocento, periodo d’oro per la città che fu meta illustre fino agli anni ’20 del novecento.