video

Si avvicina il giorno di chiusura delle riprese de ‘La Fuga’ del duo PanPers alla scoperta delle bellezze del nostro territorio. Dopo aver ‘frequentato’ le località del centro-levante ligure, la produzione si è spostata nell’estremo ponente con l’accordo di collaborazione stabilito con otto piccoli comuni.

Stamattina i PanPers hanno girato ad Ospedaletti e domani finiranno con Dolceacqua, dopo essere andati alla scoperta di San Lorenzo al Mare, Santo Stefano al Mare, Cipressa, Costarainera, Riva Ligure e Taggia.

“Essendo ligure, avevo piacere di far conoscere aspetti particolari e piacevoli della mia regione, mettendo insieme più comuni per poter trattare un intero territorio e non solo una singola comunità” spiega Daniela Bardelli che ricopre il ruolo di regista, manager e pierre del team, nell’incontro che si è svolto ad Ospedaletti con l’assessore Giacomo De Vai a fare gli onori di casa.

“La prima puntata l’abbiamo dedicata al Tigullio, la seconda e la terza la stiamo producendo con otto comuni della provincia di Imperia. Qui c’è un’offerta completa, il mare, la campagna, i monti, paesi medievali, prodotti tipici, gastronomia e storia. Ma è importante farsi conoscere e vendersi meglio come fanno tanti senza avere tutte le qualità che ho elencato, e la conduzione affidata a due giovani come i PanPers è stata la scelta migliore, e posso dire che è un piacere lavorare con loro”.

“Gli otto comuni che abbiamo coinvolto ci hanno offerto totale collaborazione e disponibilità – dice Daniela Bardelli – dimostrando di aver capito il nostro progetto di promozione del territorio in una chiave diversa e al passo con i tempi, utilizzando come mezzo di diffusione la piattaforma HorizonTv leader nell’outdoor sportivo e turistico ma anche due reti televisive canadesi, oltre e BikeTv e SportItalia, e in tre lingue diverse oltre l’italiano”.

“Pensavamo che sarebbe stato un programma allenante con le nostre bici su e giù lungo queste strade impervie – dicono i PanPers – ma non avevamo fatto i conti con l’ospitalità di questa gente: fate una sosta, assaggiate i nostri prodotti tipici, ci dicono sempre, e come fai a dire di no. E quindi la vedo dura, ‘La Fuga’ si complica ma stiamo vedendo posti bellissimi” dicono i PanPers, all’anagrafe Andrea Pisani e Luca Peracino, entrambi piemontesi e classe 1987.

“Conoscevamo già queste zone ma superficialmente, andare alla scoperta è stata una bella sorpresa e ci rende felici sapere che in questo modo si può fare una sana promozione territoriale. A tutti diciamo: la Liguria non è una sola strada, ce ne sono altre che vanno verso l’entroterra e ti fanno scoprire aspetti ancora troppo poco conosciuti”.

Articolo precedenteL’assessore regionale Berrino: “Il turismo non si ferma e la Liguria diventa promotrice della ripartenza coniugando tradizioni a innovazione digitale”
Articolo successivoInterreg Italia-Francia marittimo: al via i progetti pilota di MA.R.E. a Imperia e La Spezia. Assessori Benveduti e Berrino: “Alta attenzione a nuove figure professionali per la blue e green economy”