parigi

Sono giorni di decisioni importanti per l’imminente avvio della Fase 2 in Italia, in Francia e nel principato di Monaco.

Oggi il primo ministro francese Eduard Philippe ha parlato davanti all’Assemblea Nazionale sintetizzando il piano di ripartenza, a tappe, dopo l’11 maggio. Per quel che riguarda le mascherine, non ha parlato di obbligo ma che sarebbe preferibile portarle in diverse situazioni, facendo appello al senso di responsabilità di dipendenti e datori di lavoro per la salvaguardia della salute generale, e che l’obbligo di indossarle sarà mantenuto sui mezzi pubblici di trasporto per almeno tre settimane dopo l’11 maggio.

Su quella data si è detto comunque prudente, non sarà un liberi tutti visto anche l’andamento della pandemia, e che il prossimo 7 maggio verificherà la situazione per emettere eventuali restrizioni alla ripartenza.

Philippe ha chiarito che le regole non saranno uguali ovunque ma saranno dettate regione per regione a seconda della situazione epidemiologica, mentre sul tema caldo delle scuole ha confermato che dall’11 maggio potranno riaprire le materne e le elementari con 10 o 15 bambini al massimo per classe e che le medie e i licei se ne riparlerà nella seconda metà o alla fine del mese.

Gli esercizi commerciali potranno riaprire con le dovute norme di sicurezza eccezion fatta per bar e ristoranti la cui decisione verrà presa a fine maggio, le spiagge resteranno inaccessibili sino al 1° giugno, parchi e giardini a discrezione delle autorità locali.

Circolare sarà consentito anche senza autocertificazione ma oltre i 100 chilometri sarà possibile solo per motivi lavorativi, famigliari o di salute. Tutti i grandi eventi con più di 5mila persone saranno vietati per tutta l’estate, tutti i campionati sportivi compreso il calcio non potranno terminare la stagione 2019/20.

Vietati assembramenti di oltre 10 persone, no alle celebrazioni religiose, matrimoni compresi, sino al 2 giugno ma apertura dei cimiteri per funzioni con massimo 20 persone. Agli anziani si raccomanda di restare a casa il più possibile anche dopo l’11 maggio e ai datori di lavoro di mantenere il più possibile l’home working. Rinviate a tempi migliori le riaperture di grandi musei, teatri, cinema.

Il Primo ministro si augura e confida di poter sottomettere a test antivirus una media di 700mila cittadini alla settimana, dato che dopo 43 giorni di isolamento i contagi continuano ad aumentare così come il numero di morti in tutta la Francia.

Articolo precedenteCoronavirus, le precisazioni dell’Asl1 imperiese sull’individuazione di strutture per pazienti Covid in dimissione
Articolo successivoCoronavirus, intervista al Maestro Campagna: “La musica e lo spettacolo non sono considerati dalle istituzioni. Sono parte della nostra esistenza, non dimenticateci”