La ferrovia Cuneo-Ventimiglia prima nella classifica parziale del FAI: il Ponente ligure si mobilita per raccogliere voti

Si sta mobilitando l’intero Ponente ligure, sindaci, amministratori, associazioni di categoria. La storica linea ferroviaria Cuneo-Ventimiglia-Nizza è al momento al primo posto nella nuova classifica nazionale dei Luoghi del Cuore Fai con oltre 31mila voti. Qualcosa di enorme e grandioso per il nostro territorio unito, grazie a questa straordinaria opera dell’ingegno umano, alla Francia e poi ancora al Piemonte.

Il sorpasso è avvenuto il 21 novembre quando la Cuneo-Ventimiglia è passata dal secondo al primo posto della classifica. Certamente una parte del merito va anche ai personaggi pubblici che si sono schierati e sui social media hanno chiesto di dare una mano.

Tra questi, per fare un esempio, il presidente della Provincia Domenico Abbo, l’assessore regionale ai Trasporti Gianni Berrino, i sindaci di Sanremo e Taggia, Alberto Biancheri e Mario Conio, e l’onorevole ventimigliese Flavio Di Muro.

“Il mio appello ha come scopo quello di difendere e valorizzare un capolavoro d’ingegneria civile che ha una lunga storia e che ha una considerevole valenza sociale ed economica, ma che purtroppo rischia di scomparire,” ha commentato il presidente Abbo.

“Facciamo vincere la Liguria,” ha dichiarato Berrino. “Aiuta a proteggere e valorizzare i luoghi che ci stanno a cuore della nostra splendida Liguria.”

“Siamo in testa ma non fermiamoci,” ha invitato l’onorevole Di Muro ricordando che le votazioni termineranno il 15 dicembre.

L’audace percorso unisce i monti al mare, un filo conduttore che ripercorre la storia non solo della nostra Provincia, ma di due Paesi.

Oltre 100 chilometri di emozioni durante i quali scorrono dal finestrino paesaggi unici, parchi naturali. In meno di 50 chilometri in linea d’aria la ferrovia supera un dislivello di mille metri in un territorio impervio. Non a caso è soprannominata ‘La Ferrovia delle Meraviglie’. Una via che nella storia ha rappresentato per la Riviera dei Fiori un collegamento fondamentale con il mondo; e ancora oggi, soprattutto con gli ultimi drammatici avvenimenti alluvionali, diventa un presidio da salvaguardare con forza.

L’opera ingegneristica è davanti ad altri luoghi simbolo del nostro paese, al secondo posto troviamo il castello e il parco di Sammezzano a Reggello in provincia di Firenze. A seguire la via delle collegiate di Modica vicino Ragusa.

Sono però altri i luoghi nel Ponente ligure in concorso. Come il tempio Valdese di Bordighera, la chiesa di Sant’Andrea di Moltedo, le rovine della chiesa di San Nicolò a Bajardo e il Sentiero degli Alpini di Pigna in parte crollato a seguito delle forti piogge di inizio ottobre.

Il censimento Fai ha l’obiettivo di far scegliere agli italiani luoghi unici e bellezze storiche, artistiche e naturali da preservare.

Articolo precedenteVaccino, entro fine gennaio 50mila dosi alla Liguria. Serviranno agli operatori sanitari, ai dipendenti e agli ospiti delle Rsa
Articolo successivoVaccino covid-19 obbligatorio? Ricciardi, consulente del ministero della Salute: “Potremmo valutare la cosa se servisse per immunità di gregge”