A piĂą di due settimane dall’introduzione del nuovo sistema di raccolta rifiuti porta a porta, la situazione nella cittĂ  di Imperia non tende a migliorare.

Numerose le segnalazioni dei cittadini per il mancato ritiro dei rifiuti posti all’interno dei mastelli e per le isole ecologiche stracolme di immondizia, nonostante il frequente passaggio degli operatori della Teknoservice. Proprio in questi giorni, infatti, dopo un fine settimana che ha visto i cassonetti tracimare di rifiuti, la societĂ  incaricata del servizio ha dispiegato un numero ingente di mezzi e personale per riportare il decoro in cittĂ , cimentandosi inoltre in una consegna tardiva dei bidoni per le utenze non domestiche. Questo, sommato alla scarsa sensibilitĂ  ambientale di molti cittadini (ne è un’evidenza l’ostinazione nel conferire i rifiuti nelle isole ecologiche rimaste), ha portato la cittĂ  allo stato di degrado in cui versa attualmente.

Le motivazioni vanno ricercate anche nelle modalitĂ  in cui il porta a porta è stato applicato nella cittĂ  capoluogo: scarse informazioni preliminari e un modello ‘calato dall’alto’ poco potevano fare in una cittĂ  con un territorio così disomogeneo e atipico.

Non solo, il messaggio che è passato alla cittadinanza è quello di un’operazione motivata principalmente da ragioni economiche, ossia per evitare il pagamento di penali per il mancato raggiungimento della quota del 65% di differenziata.

In questo contesto, non stupisce il fatto che la prima delega sacrificabile, una volta scoperta l’eccedenza dei membri della Giunta (dopo appena undici giorni dalla nomina), sia stata proprio quella dell’assessore all’Ambiente.

La prossima partita ‘green’ verrĂ  giocata sull’eliminazione della plastica monouso: anche in questo caso, resta da vedere se la condotta del gioco sarĂ  determinata dall’anticipo virtuoso degli interventi o dalla necessitĂ  di applicare il decreto europeo che entrerĂ  in vigore nel 2021 su tutto il territorio nazionale.

Nel frattempo, si attende per l’incontro di domani a Palazzo Civico, dove un rappresentante degli amministratori di condominio incontrerà l’amministrazione comunale per spiegare criticità e possibili soluzioni al problema dei rifiuti. Venerdì, invece, la discussione sul porta a porta approderà in Consiglio comunale. 

Articolo precedenteSanremo, online il bando per la gestione del Museo del Fiore
Articolo successivoUfficializzata la candidatura di Giorgio Tubere: ecco il nome che ha messo d’accordo la sinistra sanremese