Sono scesi nelle strade di Imperia questa mattina i sindacati e gli addetti al settore di igiene urbana della provincia di Imperia.

A far montare la protesta contro l’azienda Proteo, che ha vinto l’appalto per la raccolta rifiuti nei comuni della Valle Impero e della Valle Arroscia, è la tipologia di contratto proposta ai lavoratori. Il lungo corteo è partito alle 9.30 in Piazza Calvi per poi giungere in Prefettura.

“Diciamo no al contratto di cooperativa sociale che è stato proposto. Devono rispettare il contratto di settore di igiene ambientale, ossia il contratto Fise,” spiega Vincenzo Giacovelli, coordinatore provinciale UilTrasporti.

“Se un domani ci dovesse essere un cambio di appalto, il contratto di cooperativa sociale non prevede la clausola sociale e non garantirebbe quindi il passaggio dei lavoratori da un’azienda all’altra. Questa battaglia arriverà a livello nazionale,” aggiunge Danilo Causa, segretario Savona-Imperia della Fit-Cisl.

La manifestazione segue uno sciopero avvenuto già a dicembre. La protesta di oggi doveva essere accompagnata da un altro sciopero di 48 ore sospeso però, temporaneamente, dai sindacati in attesa di un nuovo incontro in Regione con gli assessori Gianni Berrino e Raul Giampedrone.

Alla manifestazione di oggi erano presenti i rappresentati della FP Cgil, della UilTrasporti, della Fit-Cisl e della Fiadel.