Il mondo del fitness chiede una data sicura per l'apertura delle palestre

Abbiamo contattato Dennis Giusto, Personal Trainer e titolare di alcune palestre, per parlare della situazione del mondo del fitness.

Non abbiamo capito quando potremo riaprire – dice Dennis Giusto – e quali siano le norme di sicurezza che dovremo predisporre ed è un problema grosso perché non vorremmo arrivare al momento dell’apertura impreparati e dover posticipare ancora”.

“Il problema è che i numeri degli ingressi saranno inferiori, quindi meno incassi, ma le uscite saranno sempre le stesse. Noi del mondo del fitness – prosegue – chiediamo di sapere cosa è necessario fare al fine della riapertura, ma vorremmo saperlo in tempo per poter procedere alla messa in sicurezza dei locali e poter aprire subito, non appena ci verrà comunicata la data.

Questa pandemia è stata una crisi strutturale, le cose non saranno più come prima e chi vorrà sopravvivere dovrà reinventarsi. Soprattutto delle grandi palestre, con strutture da 2000 mq, sono emersi i limiti. Il futuro credo sarà sviluppato sul rapporto individuale, anche se si sta vivendo un forte stress, tutto ciò permetterà di migliorare il servizio.

È stata preparata una bozza di proposta da presentare al Ministero dello Sport, dove abbiamo elencato delle norme di sicurezza per l’accesso sicuro alle palestre. Cominciando dalla mascherina e i guanti, per arrivare al copri scarpe. Prenotazione obbligatoria, misurazione della temperatura, infine si sconsiglia l’utilizzo dello spogliatoio. Tutto per rendere la presenza del cliente sicura e sana“.