giuseppe Conte

6 gennaio. È la data di scadenza del ‘Decreto Natale’. Due le ipotesi in campo per il proseguimento della gestione dell’emergenza covid-19 nel nostro Paese.

La più probabile, al momento, sembra essere una proroga, con ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza, dal 7 al 15 gennaio delle attuali restrizioni.

Sostanzialmente verrebbe confermata la zona arancione durante i giorni feriali e la rossa nei weekend per tutta l’Italia. Oggi è previsto un nuovo vertice governativo per arrivare a una decisione. Vigerebbe dunque il divieto di spostamento tra regioni con bar e ristoranti aperti soltanto per l’asporto oltre al divieto di ospitare più di due persone nella propria abitazione.

Esiste, però, anche una seconda ipotesi, come riporta l’agenzia di stampa nazionale Ansa, ovvero tornare in zona gialla il 7 e 8 gennaio, arancione per il weekend e ripartire con le fasce di colore dall’inizio della settimana seguente.

Sul capitolo scuole dal 7 riprenderanno elementari e medie in presenza mentre, per ciò che concerne le superiori, i presidenti di regione hanno richiesto tempo al Governo in attesa del nuovo monitoraggio del virus.

Articolo precedenteBordighera: riparte il laboratorio sull’autostima di Noi4You
Articolo successivoSanremo: aperte le selezioni per due posti di servizio civile presso l’Ancos di Confartigianato